Finali Nba, Golden State batte Boston in gara-5 e si porta a una vittoria dal titolo
F

La striscia

(Adnkronos) – I Golden State Warriors battono 104-94 i Boston Celtics in gara-5 delle finali Nba e si portano in vantaggio per 3-2 e quindi a una sola partita dal quarto titolo della loro storia. La squadra californiana si impone nonostante uno Stephen Curry ben marcato e spuntato dalla lunga distanza (0/9 da tre).  

Per una volta la copertina della partita in casa Warriors spetta a Andrew Wiggins: l’ex T-Wolves segna 16 punti nel solo primo tempo (record in carriera ai playoff in metà partita), chiudendo a quota 26 con 12/23 al tiro, mancando sempre il bersaglio dalla lunga distanza ma raccogliendo 13 rimbalzi, con un paio d’assist e palle rubate a referto. Sono suoi i canestri che nel finale portano gli Warriors a un passo dal titolo Nba. L’altro giocatore decisivo è Klay Thompson, che litiga un po’ con la partita in avvio e poi trova tutte le triple più importanti della sfida, in un match chiuso con 21 punti a referto e 5/11 dalla lunga distanza.  

Il tutto a tre anni esatti dal grave infortunio patito in gara-6 contro i Toronto Raptors. Curry chiude con 16 punti e 8 assist per Curry (7/22 dal campo) e per la prima volta in carriera ai playoff senza neanche un canestro dalla lunga distanza (interrotta una striscia di 132 partite in post-season). Importanti anche i contributi dalla panchina di Gary Payton che termina con 15 punti, 5 rimbalzi e una miriade di giocate decisive su entrambi i lati del campo e Jordan Poole, autore di 14 punti con 3/6 dall’arco – con tanto di tripla allo scadere di terzo quarto che cambia l’inerzia del match.  

Boston invece resta aggrappata alla sfida per 40 minuti grazie ai canestri di Jayson Tatum – autore di 27 punti con 10/20 al tiro, 5/9 dall’arco, 10 rimbalzi e 4 assist. Il numero 0 dei Celtics però scompare ancora una volta nel finale – siamo a 5/21 al tiro nell’ultima frazione nella serie – mentre, con le quattro palle perse di questa serata, porta a quota 95 il suo bottino complessivo in post-season; record (non invidiabile) all-time di palloni persi in una singola annata ai playoff.  

L’altro giocatore a quota 20 punti in casa Celtics è Marcus Smart: 7/15 dal campo e una paio di pesanti leggerezze nel finale. Litiga invece con il ferro Jaylen Brown, mai in ritmo e dal modesto impatto (-19 di plus/minus) con il suo 5/18 al tiro per 18 punti (senza fare mai canestro dall’arco). Poco incisivo anche Al Horford, mentre a reggere per tre quarti la difesa Celtics è ancora una volta Robert Williams III – il cui impatto va ben oltre i 10 punti e 8 rimbalzi messi a referto in 30 minuti sul parquet.  

FLASH

Le ultime

A Milano arriva il festival dei vini ancestrali

Parliamo dei vini ancestrali e rifermentati in bottiglia (col fondo, sur lie, sui lieviti), che oggi trovano un rinnovato interesse da parte di un...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.