Cuzzilla, ‘inaccettabile pressione fiscale su dirigenti’
C

La striscia

(Adnkronos) – “C’è poi un altro tema che deve essere rimesso al centro dell’azione di Cida e riguarda la pressione fiscale che i nostri dirigenti sono costretti a sopportare. I nostri dirigenti sono tra i pochi a pagare sempre le tasse e a pagarne addirittura troppe. Secondo i dati del Mef, solo il 4% dei contribuenti italiani dichiara più di 70 mila euro, versando il 29% del totale Irpef. Uno scenario surreale che evidenzia il dilagare dell’evasione fiscale e contributiva nel Paese. È inaccettabile che, di anno in anno, la pressione fiscale aumenti proprio nei confronti delle categorie già tartassate. Anche perché è davvero ingeneroso che non sia colto il contributo sociale ad ampio raggio che riusciamo a offrire”. Così, con Adnkronos/Labitalia, Stefano Cuzzilla, eletto oggi all’unanimità dall’assemblea nazionale alla guida della Cida, la rappresentanza sindacale per la dirigenza e le alte professionalità di tutti i settori socio produttivi, pubblici e privati, che vanta un network di 10 federazioni e rappresenta circa 1 milione di dirigenti, attraverso i Ccnl sottoscritti.  

“La classe dirigente, di cui mi onoro di far parte, si distingue infatti spesso per una spiccata sensibilità e per operazioni di solidarietà che riescono a portare un aiuto concreto a chi è più in difficoltà”, ha concluso. 

FLASH

Le ultime

A Milano arriva il festival dei vini ancestrali

Parliamo dei vini ancestrali e rifermentati in bottiglia (col fondo, sur lie, sui lieviti), che oggi trovano un rinnovato interesse da parte di un...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.