M5S, l’ex Giarrusso: “Previsto tutto”
M

La striscia

(Adnkronos) – “Questa micragnosa lotta di potere combattuta al colmo dell’ipocrisia usando il nome e il simbolo del Movimento Cinquestelle, è la più feroce coltellata inferta a quei milioni di italiani che hanno avuto fiducia in un progetto politico oggi ucciso da gruppetti che si muovono come bande armate: mentendo, urlando, colpendo alla cieca come nel triste finale di un bruttissimo film”. Così l’europarlamentare Dino Giarrusso commenta severo, con l’Adnkronos, l’ennesima giornata di passione del M5S, che ha lasciato qualche settimana fa e che per stasera ha in programma un vertice straordinario sul caso Di Maio.  

“Sono felice d’essere uscito prima di questo teatrino squallido, del resto avevo previsto nel dettaglio che sarebbe andata così, lanciando grida d’allarme inascoltate: zero democrazia interna, nessun dibattito, nessun dissenso ammesso e una disastrosa gestione delle amministrative. Poteva finire solo in un tristissimo tutti contro tutti, un carnage che imbarazza l’Italia – insiste Giarrusso – C’è un intero gruppo dirigente fatto di poltronari incapaci, a partire da Conte e dal suo cerchio tragico e a finire da molti di quelli che lo attaccano, che dovrebbe chiedere scusa agli italiani tutti per lo spettacolo penoso che si sta offrendo”. E conclude con un auspicio: “Di spazio politico per fare bene e riportare la gente a partecipare e votare ce n’è tanto, dalla Sicilia partirà un progetto capace di risvegliare tutte le persone di buona volontà, non solo i grillini delusi ma tutti gli italiani per bene non passivi”. 

FLASH

Le ultime

Siccità: 9mila ettari già in fumo, agricoltura in ginocchio

L’Italia brucia con oltre 9mila ettari andati in fumo negli ultimi sei mesi, più che raddoppiati nel 2022 rispetto...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.