Ucraina, stop a libri russi
U

La striscia

(Adnkronos) – Bandita la riproduzione di musica russa in Ucraina e vietata l’importazione di libri da Russia, Bielorussia e territori temporaneamente occupati. Sono queste due delle decisioni assunte oggi dalla Verkhovna Rada, che tornata a riunirsi dopo una pausa, ha approvato 15 leggi, tre risoluzioni e, in prima lettura, due proposte di legge. A illustrare il loro contenuto è su Telegram il deputato del partito ‘Servitore del popolo’, Pavlo Frolov. 

Diverse le norme approvate dal Parlamento per recidere i legami con la Russia. Tra questa, una che vieta la riproduzione di canzoni e clip musicali realizzati da artisti russi e introduce regole per sostenere e sviluppare i ‘prodotti musicali nazionali’. Ad esempio, la legge aumenta al 40% la quota di canzoni e fino al 75% il volume giornaliero delle notizie e dei programmi di intrattenimento in lingua ucraina durante le trasmissioni radiofoniche.  

Il Parlamento ha approvato anche un disegno di legge che vieta l’importazione di libri da Russia, Bielorussia e territori temporaneamente occupati e di pubblicazioni in russo che provengano da altri Paesi. Parallelamente la Verkhovna Rada ha sostenuto una norma per incentivare lo sviluppo del mercato libraio ucraino. 

FLASH

Le ultime

Siccità: 9mila ettari già in fumo, agricoltura in ginocchio

L’Italia brucia con oltre 9mila ettari andati in fumo negli ultimi sei mesi, più che raddoppiati nel 2022 rispetto...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.