Csel, città d’arte le più penalizzate su tassa soggiorno da effetto covid
C

La striscia

(Adnkronos) – Nel confronto tra 2019 e 2020, le città d’arte sono state quelle maggiormente colpite in merito agli incassi derivanti dalla tassa di soggiorno. Siena ha registrano un -78,97%, Torino -59,66% e Matera -35,26%. Tra le località di montagna ha avuto la peggio Cortina con -72,06%, mentre le località di mare hanno avuto un minore impatto negativo, il migliore è San Vincenzo che ha sostanzialmente contenuto le perdite (-2,44%). A metterlo in evidenza è un rapporto elaborato dallo Centro Studi Enti Locali (Csel) per l’Adnkronos che per osservare nel dettaglio l’impatto pandemico nelle diverse tipologie di città italiane, ha analizzato gli scostamenti in 3 località d’arte, 3 località marittime e 3 località di montagna: Località d’Arte: Torino, Siena, Matera, Località marittime: Jesolo (Ve), San Vincenzo (Li), Vieste (Fg); Località di montagna: Cortina d’Ampezzo (Bl), Corvara in Badia (Bz), Courmayeur (Ao).  

Nell’anno di parziale ripresa dall’emergenza sanitaria, è San Vincenzo a registrare la migliore performance, incrementando gli incassi del 31,80% rispetto al 2019, seguito da Vieste (+5,44%). A soffrire sono ancora le città d’arte. Rispetto al primo anno di pandemia, il 2021 si rileva di parziale ripresa per gran parte delle città del campione analizzato. Cortina d’Ampezzo è la città con il miglior incremento (+191,49%), seguita da Siena che contrariamente alle altre città d’arte ha sostanzialmente raddoppiato il gettito del 2020 (+128,03%). Le località marittime hanno tutte e 3 incrementato il gettito. 

Analizzando complessivamente i dati, emerge che nei primi 2 anni di pandemia le città d’arte sono quelle maggiormente penalizzate, seguite a breve distanza dalle località di montagna, mentre le località marittime sono riuscite a contenere le perdite e, talvolta, anche ad ottenere dei risultati migliori rispetto a quelli conseguiti nel periodo pre-pandemia.  

FLASH

Le ultime

Siccità: 9mila ettari già in fumo, agricoltura in ginocchio

L’Italia brucia con oltre 9mila ettari andati in fumo negli ultimi sei mesi, più che raddoppiati nel 2022 rispetto...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.