La Fed e l’eterno dilemma tra inflazione e recessione
L

La striscia

(Adnkronos) – Difficile che lo si dica apertamente. Eppure, questa volta il presidente della Fed, Jerome Powell, in audizione alla commissione bancaria del Senato, non si sottrae e va dritto al punto. “Esiste la possibilità che i nostri rialzi dei tassi d’interesse causino una recessione” che la Fed “non sta cercando di provocare” con la normalizzazione della politica monetaria in atto. E’ l’eterno dilemma tra inflazione e recessione o, meglio, tra le misure di politica monetaria che servono a raffreddare la corsa dei prezzi e le loro conseguenze sulla crescita.  

Powell aggiunge che nella definizione di un livello appropriato di tassi, “l’obiettivo è un ‘soft landing'”. Cosa vuol dire? Letteralmente ‘un atterraggio morbido’ che nel gergo economico significa un rallentamento dell’attività economica ‘pilotato’ in modo da attenuarne gli effetti negativi e scongiurare rischi di recessione. “Sarà impegnativo, tanto più per gli eventi degli ultimi mesi, dalla guerra al rialzo dei prezzi delle materie prime. Ma la nostra riuscita in questo compito – riconosce – dipende anche da fattori che non possiamo controllare”. Per Powell è comunque fondamentale combattere l’inflazione. “Questi livelli danneggiano soprattutto le famiglie con i redditi più bassi. Dobbiamo riportare l’inflazione sotto controllo: non possiamo fallire”. 

Il presidente della Fed si mostra comunque ottimista. “Abbiamo sia gli strumenti necessari che la determinazione che serve per ripristinare la stabilità dei prezzi” per famiglie e imprese, dice, ribadendo: “È essenziale ridurre l’inflazione se vogliamo avere un periodo prolungato di solide condizioni del mercato del lavoro a vantaggio di tutti”. 

Lo strumento principale il rialzo dei tassi di interesse. Powell conferma la previsione “che i ripetuti aumenti dei tassi saranno appropriati”, anche se “il loro ritmo continuerà a dipendere dai dati in arrivo e dalle prospettive in evoluzione per l’economia”. E promette trasparenza, quasi a voler tenersi lontano dai problemi e dalle polemiche che in Europa hanno riguardato la Bce e il presidente Christine Lagarde. “Prenderemo le nostre decisioni di volta in volta e continueremo a comunicare il nostro pensiero il più chiaramente possibile”. 

Ma dove si potrà arrivare? Nonostante i ripetuti rialzi decisi dalla Federal Reserve, spiega Powell, “non siamo ancora a un livello di tassi neutro”. E’ la soglia che separa una politica monetaria restrittiva ed una espansiva. “Riteniamo che sia intorno al 2,50% e pensiamo che sia appropriato portarli leggermente al di sopra” di questo valore, “portandoci a un tasso moderatamente restrittivo, perché questo è un livello di inflazione molto elevato”.  

FLASH

Le ultime

A Milano arriva il festival dei vini ancestrali

Parliamo dei vini ancestrali e rifermentati in bottiglia (col fondo, sur lie, sui lieviti), che oggi trovano un rinnovato interesse da parte di un...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.