A Ostia l’olio si raccoglie (e non si getta in mare)
A

La striscia

(Adnkronos) – Inaugurati nei giorni scorsi a Ostia (Roma) due serbatoi per la raccolta di oli esausti. L’iniziativa si inserisce in una più ampia campagna promossa dalla onlus Marevivo e dal Conou, il consorzio che si occupa della raccolta, della gestione e della rigenerazione dell’olio usato. Le due cisterne serviranno per raccogliere gli olii esausti delle imbarcazioni locali, evitando la loro dispersione in mare, e l’esperienza di Ostia sarà presto replicata in altri porti italiani. L’olio minerale è un rifiuto pericoloso e cancerogeno: se gettato in mare forma in superficie una pellicola sottile ma in grado di provocare danni terribili impendendo che luce e ossigeno arrivino alle forme di vita marina. 

FLASH

Le ultime

Quarta ondata di caldo, le previsioni per le prossime ore

In questa seconda parte della settimana si sta facendo strada sull’Italia una massa d’aria rovente associata, come sempre, dall’anticiclone...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.