Rilanciare i centri storici, un convegno a Spoleto
R

La striscia

(Adnkronos) – Domani e domenica, presso il Complesso monumentale di San Nicolò a Spoleto, si terrà, nell’ambito del Festival dei Due Mondi, il convegno organizzato dall’Associazione Comitato Spoleto centro storico e dall’Associazione Piazza Duomo, dal titolo ‘Il Futuro è in Centro: il valore sociale, economico e culturale dei centri storici’. L’evento è stato organizzato grazie alla collaborazione del Comune di Spoleto e il supporto del comitato italiano di Icomos (International council of monuments and sites), delll’Associazione Italia nostra di Spoleto, Assorestauro, dello studio Fantozzi&Associati e del Gruppo di Comunicazione legale–strategica The Skill.  

Ripensare una vivibilità urbana nelle città storiche, rendendole maggiormente inclusive e adatte ad accogliere una rigenerazione civica e un ripopolamento sostenibile e coerente alle nuove esigenze lavorative, economiche e sociali dei cittadini è il tema di fondo, che verrà sviluppato da esperti di primissimo piano secondo prospettive urbanistiche, economico fiscali, culturali, ambientali ed energetiche.  

Obiettivo dell’incontro proporre una inversione di tendenza nello sviluppo dell’Italia, che passa attraverso una nuova valorizzazione dei centri storici, dopo la felice stagione del decennio 1995–2005, che vide il pieno recupero di interi quartieri dal nord al sud. A introdurre il convegno il commissario straordinario alla Ricostruzione, Giovanni Legnini, mentre chiuderà il dibatto il sindaco di Spoleto, Andrea Sisti. 

FLASH

Le ultime

Quarta ondata di caldo, le previsioni per le prossime ore

In questa seconda parte della settimana si sta facendo strada sull’Italia una massa d’aria rovente associata, come sempre, dall’anticiclone...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.