Vaccini covid, Ema: “Al lavoro per ok a settembre per quelli aggiornati”
V

La striscia

(Adnkronos) – “Stiamo attualmente lavorando per avere l’approvazione di vaccini anti-Covid adattati a settembre”. E’ questa l’intenzione dell’Agenzia europea del farmaco Ema, secondo quanto comunicato da Marco Cavaleri, responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici Covid-19 dell’Ema, oggi durante il briefing periodico con la stampa.  

Cavaleri ha ricordato che in questo momento si stanno valutando i dati iniziali che i produttori di vaccini a mRna hanno inviato per la revisione. Ma allo stesso tempo l’Ema è “in stretto contatto con i produttori di vaccini basati anche su piattaforme diverse dall’mRna”, ha spiegato l’esperto riferendosi “in particolare” ai “vaccini proteici adiuvati”.  

Per i futuri vaccini anti-Covid “potremmo essere in grado di spostarci verso un quadro simile a quello” attualmente usato “per i vaccini antinfluenzali, che non richiede la presentazione di dati clinici prima dell’approvazione del vaccino aggiornato annualmente”, la prospettiva evidenziata come plausibile da Cavaleri.  

“In che misura i dati clinici dovrebbero essere presentati a supporto dell’approvazione di vaccini anti-Covid adattati è in discussione. Al momento i dati sono ancora raccolti dai trial clinici in corso con i vaccini Omicron sperimentali. Abbiamo bisogno di rivedere attentamente tutti i dati emergenti, clinici e non, per capire meglio l’impatto che i cambiamenti nella composizione dei vaccini hanno sulla performance clinica”, ha spiegato Cavaleri. “Le discussioni dei nostri esperti su questo sono ancora in corso e la direzione che prenderemo dipenderà dalla forza dei dati che riceveremo. In ogni caso, avremo bisogno di prove del mondo reale per comprendere l’impatto che i vaccini aggiornati avranno sulla protezione delle persone da infezioni e malattie gravi in ​​autunno e in inverno, e quanto tempo potrebbe durare questa spinta” dell’effetto-scudo, ha puntualizzato l’esperto.  

E’ questa una fase di riflessioni e valutazioni per il futuro. “L’Ema – ha riferito Cavaleri – sta lavorando a stretto contatto con l’Ecdc”, Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, “con l’Autorità Ue per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie Hera, e le autorità sanitarie pubbliche nazionali, per identificare i migliori approcci alla vaccinazione e affrontare potenziali nuove ondate di infezioni Covid 

 

FLASH

Le ultime

Quarta ondata di caldo, le previsioni per le prossime ore

In questa seconda parte della settimana si sta facendo strada sull’Italia una massa d’aria rovente associata, come sempre, dall’anticiclone...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.