Crisi governo, Salvini: “Impossibile governare con Pd, pensa a droga e immigrati”
C

La striscia

(Adnkronos) – “Governare con un Pd, con una sinistra, che una volta si occupava dei precari e i pensionati e ora si occupa di droga e immigrati, non è possibile”. Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, intervenendo alla festa del partito a Osio Sopra, in provincia di Bergamo.  

“Questa settimana quello che mi ha colpito non è che Conte abbia tolto la fiducia, la cosa incredibile è che il capo del Pd abbia ribadito che per loro è prioritario approvare ddl Zan e ius soli. Questa gente manca di rispetto agli italiani e A Draghi. Io all’irresponsabilità dei 5 stelle accosto sobriamente anche l’irresponsabilità del partito alleato. Chi si somiglia, si piglia”, ha aggiunto Salvini, sottolineando che “oggi perfino De Luca ha detto che se il Pd è quello dello ius soli e del ddl Zan non andrà da nessuna parte”. 

“La Lega è compatta e granitica. Quelli che si stanno sfasciando sono tutti gli altri”, ha sottolineato quindi Salvini assicurando: “Quello che è certo è che mercoledì la Lega in aula farà solo quello che serve all’Italia e agli italiani. E l’abbiamo dimostrato nel 2019. Se questo volesse dire ‘siete disposti voi a mollare le vostre poltrone, per sbloccare una situazione che gli italiani non meritano’, l’abbiamo dimostrato nel 2019”. 

“Meglio restituire la parola agli italiani. L’attuale Parlamento è di sei ere geologiche fa”, ha quindi detto il leader della Lega. “In questo Parlamento – ha aggiunto – ci sono centinaia di persone aggrappate alla poltrona. Non c’è gente che arriva domani a Roma per dire ‘sulle pensioni che cosa faccio’, ma ‘della mia pensione che cosa faccio’ e piuttosto che andare a casa voterebbero qualsiasi cosa è cambierebbero qualsiasi partito”. 

“Un anno e mezzo fa abbiamo gettato il cuore oltre all’ostacolo e non ce la siamo sentiti di dire ‘stiamo fuori’. E’ passato un anno e mezzo, ma penso che le scene squallide di queste settimane siano un offesa per gli italiani che faticano, per il Presidente della Repubblica, per il presidente del consiglio”, ha osservato quindi Salvini ribadendo che la Lega per un anno e mezzo è stata “leale, generosa e responsabile, perché se io do una parola, la mantengo. Se però mi accorgo che do la mia parola a gente per cui la parola vale zero, allora io la parola la restituisco agli italiani. Non a Conte, Letta, Di Maio o compagnia bella”. 

“Al governo con i fannulloni noi non ci stiamo più, per rispetto nostro, vostro e del presidente Draghi. Se altri hanno fatto capricci, noi di questa gente non vogliamo essere complici”, ha poi affermato Salvini aggiungendo: “Gli operai che una volta votavano il Pci, adesso vengono alla festa della Lega. Sotto questo tendone penso che ci siano persone che domani si svegliano alle 5 per andare a lavorare”. “Quelli che non hanno problemi, votano sempre i soliti, il partito del sistema e dei poteri forti”, ha affermato. 

FLASH

Le ultime

Quarta ondata di caldo, le previsioni per le prossime ore

In questa seconda parte della settimana si sta facendo strada sull’Italia una massa d’aria rovente associata, come sempre, dall’anticiclone...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.