Elezioni, costituzionalista Azzariti: “Norma raccolta firme contraria a principio uguaglianza”
E

La striscia

(Adnkronos) – “La normativa che prevede la raccolta firme solo per la presentazione di nuove liste elettorali è irragionevole. E’ francamente privo di senso il fatto che, ad esempio, il raggruppamento neonato di Di Maio e che non è passato per alcuna competizione elettorale venga esentato dalla raccolta firme solo perché si collega al simbolo di Tabacci. Mentre Cappato, che si vuole presentare con una nuova lista, è costretto a raccoglierle. Non so quanto possa essere rappresentativa la lista di Cappato, se lo sia più o meno di quella di Di Maio, a stabilirlo dovrebbero essere gli elettori e ‘ai blocchi di partenza’ non vedo perché dovrebbe essere ostacolato l’uno e favorito l’altro”. Ne parla con l’Adnkronos il costituzionalista Gaetano Azzariti, professore ordinario di Diritto costituzionale all’Università la Sapienza di Roma che sottolinea: “Nel rispetto del principio di uguaglianza, ci vorrebbe una normativa più omogenea”. 

L’irragionevolezza, secondo Azzariti, non è determinata dal fatto che “non si possano in assoluto fare distinzioni tra i partiti che hanno già dimostrato una loro rappresentatività. Dunque è possibile esentare liste che hanno rappresentanti eletti in parlamento”. La questione riguarda in particolare le nuove formazioni nate e che non si sono mai presentate a competizioni elettorali. “In tali casi mi pare irragionevole premiare le nuove formazioni solo perché stanno casualmente in Parlamento e possono collegarsi a simboli concessi da altri parlamentari”. “Questa estensione – commenta – è tale da rendere direi quasi casuale, la possibilità di raccogliere queste firme”. “Tabacci – ricorda il Costituzionalista – è già servito per favorire la presentazione del gruppo parlamentare di +Europa. Adesso consente ad una forza neo-istituita di presentarsi alle elezioni senza dover raccogliere le firme. Solo perché generoso? Non mi sembra sufficiente”. 

Per quanto riguarda infine la raccolta di firme telematica, non ammessa dalle norme e contestata da più fronti, “è una scelta politica. Posso aggiungere che opporsi ad una simile modalità di raccolta delle firme mi sembra una battaglia perduta. È solo una questione di tempo. Oggi comunque il punto è come giustificare l’averla consentita nei referendum ma non per le liste elettorali. Ormai certo è troppo tardi rimediare. Cambiare le regole con un decreto legge a gioco iniziato – conclude – non può essere la soluzione. Peccato, perché era una questione prevista, anticipata e sollevata da tempo” e perché si scopre che non è stato fatto nulla quando ormai è troppo tardi. 

(di Roberta Lanzara)  

FLASH

Le ultime

Quarta ondata di caldo, le previsioni per le prossime ore

In questa seconda parte della settimana si sta facendo strada sull’Italia una massa d’aria rovente associata, come sempre, dall’anticiclone...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.