Chubais ricoverato al Mater Olbia: “Condizioni migliorano”
C

La striscia

(Adnkronos) – L’ex fedelissimo di Vladimir Putin, l’economista e politico russo Anatoly Chubais, ricoverato al Mater Olbia Hospital in Sardegna dopo una malore “sta migliorando e sono in corso alcune analisi di routine. Ma niente spy story”. Così all’Adnkronos Salute il Direttore generale del Mater Olbia, Marcello Giannico. Su cosa sia accaduto a Chubais il direttore generale è lapidario “massimo riserbo”.  

CREMLINO – Il Cremlino ha definito “triste” la notizia del malore di Anatoly Chubais, assicurando che “se dovesse chiedere assistenza, siamo pronti ad aiutarlo”. Così il portavoce della presidenza russa Dmitry Peskov ha risposto alle domande dei giornalisti che gli chiedevano un commento sulle condizioni di Chubais, che secondo la giornalista russa Ksenia Sobchak. sarebbe stato ricoverato in un ospedale in Europa con i sintomi della sindrome di Guillain-Barre.  

“Non so se ci siano state richieste di aiuto. Naturalmente – ha detto Peskov, citato dalla Tass – questa è una notizia triste, gli auguriamo una pronta guarigione. Ma allo stesso tempo, non abbiamo dettagli. E’ un cittadino russo e, per quanto possibile, cerchiamo di aiutare tutti i cittadini russi”. 

La sindrome di Guillain-Barre è una condizione neurologica che colpisce il sistema nervoso. Chubais, che ha lasciato la Russia subito dopo l’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio scorso, avrebbe lamentato di “non sentire più la braccia e la gambe”, secondo quanto raccontato dalla moglie alla giornalista Sobchak. 

FLASH

Le ultime

Quarta ondata di caldo, le previsioni per le prossime ore

In questa seconda parte della settimana si sta facendo strada sull’Italia una massa d’aria rovente associata, come sempre, dall’anticiclone...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.