Milano, amici Simba La Rue: “Mai sequestrato Baby Touché”
M

La striscia

(Adnkronos) – Nessun sequestro ma una ‘finzione’ per aumentare le visualizzazioni sui social e monetizzare così sulla pace tra Simba La Rue e Baby Touché. E’ questa la difesa messa in campo da due amici e dal manager del trapper per spiegare il presunto sequestro di persona al giovane padovano, incontrato in via Boifava a Milano, aggredito a calci e pugni, e poi caricato su un’auto dove vengono realizzati i video mostrati su Instagram e al centro dell’inchiesta della procura milanese.  

“Tutti gli arrestati – spiega l’avvocato Niccolò Vecchioni – hanno confermato di aver incontrato casualmente Baby Touché in zona Barona, quindi dopo un’iniziale colluttazione tra i due trapper, legata a vecchi dissapori, hanno deciso di sfruttare mediaticamente il clamore. E’ in questo modo che nascono le storie su Instagram in cui Baby Touché deve ammettere e scusarsi dei suoi dissing contro Simba La Rue” che avrebbe deciso così di saldare i conti e “iniziare una collaborazione musicale” con l’ex rivale. Insomma “non c’è nessun sequestro tanto che il gruppo, escluso Simba, prosegue la serata (dopo i video) con Baby Touché” taglia corto il legale che ha chiesto al gip di Milano Guido Salvini la revoca della misura per i suoi assistiti.  

Nulla di vero dunque, a dire degli arrestati, dei video di quanto stava succedendo, con tanto di viso sanguinante e tumefatto del giovane padovano, poi liberato a Calolziocorte, nel Lecchese. Un sequestro che, invece, per l’accusa, doveva vendicare l’aggressione subita due settimane prima da un amico di Simba La Rue alla stazione di Padova. La procura di Milano è da sempre convinta che il sequestro rientra tra i diversi episodi di aggressioni e accoltellamenti che tra Padova, Lecco, Bergamo, Jesolo e Milano hanno infiammato negli ultimi tempi la scena trapper. Domani restano i due ultimi interrogatori davanti al gip tra cui proprio quello di Simba La Rue, nome d’arte di Mohamed Lamine Saida, appena dimesso dall’ospedale dopo essere stato accoltellato a fine giugno a Treviolo, alle porte di Bergamo.  

FLASH

Le ultime

Quarta ondata di caldo, le previsioni per le prossime ore

In questa seconda parte della settimana si sta facendo strada sull’Italia una massa d’aria rovente associata, come sempre, dall’anticiclone...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.