Taiwan, Cina: “Visita Pelosi provocazione, contromisure giuste”
T

La striscia

(Adnkronos) – La visita di Nancy Pelosi a Taiwan, che la Cina considera una “provincia ribelle” da “riunificare”, non è stata “a difesa di democrazia e libertà”, ma bensì una “provocazione” per la “sovranità e l’integrità territoriale” del gigante asiatico e “contromisure” sono la risposta “giusta”. Si è espresso così Ma Xiaoguang, portavoce dell’Ufficio per gli Affari di Taiwan del Consiglio di Stato cinese, in dichiarazioni riportate dall’agenzia ufficiale Xinhua nel mezzo di un’escalation di tensioni, tra retorica e maxi manovre militari. 

Il gigante asiatico considera la questione di Taiwan, di fatto indipendente, un “affare interno” e non tollera “interferenze”, insiste sulla “politica di una sola Cina”, sui suoi “interessi di sviluppo”, oltre che su “sovranità e sicurezza”. E, secondo Ma, è “giusto e naturale” che la Cina adotti le “contromisure necessarie” a tutela di “sovranità e integrità territoriale”. 

FLASH

Le ultime

Quarta ondata di caldo, le previsioni per le prossime ore

In questa seconda parte della settimana si sta facendo strada sull’Italia una massa d’aria rovente associata, come sempre, dall’anticiclone...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.