Caro energia, Salvini: “Armistizio tra partiti”. Calenda: “Vediamoci domani”
C

La striscia

(Adnkronos) – Sul caro energia “chiedo di convocare un Cdm la prossima settimana e riunire il Parlamento ai primi di settembre. Propongo ai leader delle forze politiche un armistizio. La politica si fermi, si riunisca e firmi un impegno”. Così Matteo Salvini in una conferenza stampa a Corigliano Rossano. “Occorre agire subito, non c’è tempo. C’è chi dice ‘aspettiamo dopo le elezioni’. Non si può fare. Aspettare un mese e mezzo è tardi e nel frattempo rischiamo una strage di aziende” dice il leader della Lega. 

“Meno male. Almeno uno c’è arrivato – commenta Carlo Calenda su Twitter – Dopo quattro giorni di insulti ma c’è arrivato. Chiamatelo armistizio o time out. È la stessa cosa. Vediamoci domani e proviamo a trovare un accordo per evitare il disastro: Enrico Letta, Giorgia Meloni, Giuseppe Conte”.  

Salvini ha lanciato il ‘modello Macron’ contro il caro bollette. “La politica dia mandato pieno a Draghi” per adottare una soluzione come quella presa in Francia: “Dare soldi alle imprese” che producono energia “e chiedere che mettano un tetto” al prezzo delle bollette, è la proposta del leader della Lega “Non sono aiuti di Stato, soldi a pioggia. Ma si interviene a monte” direttamente sulle aziende come “Eni, Enel, Ire, Dolomite energia e così via”. “Dobbiamo imitare la Francia e stanziare subito 30 miliardi per contenere gli aumenti del gas. Non è debito ma un salvataggio nazionale” dice Salvini. 

 

FLASH

Le ultime

Tutela degli oceani, passa la risoluzione europea

Fratelli d’Italia ha accolto con soddisfazione l’approvazione da parte del Parlamento europeo della risoluzione a tutela degli oceani.  Laddove...

Forse ti può interessare anche