Dalla cioccolata di Fazio al vino di Sting, le star che ci prendono per la gola
D

La striscia

(Adnkronos) – Dal cioccolato di Fabio Fazio al vino di Sting, all’olio di Riccardo Scamarcio: sono sempre di più le star che, posando per un attimo il microfono, il pubblico lo prendono per la gola.  

Se Fabio Fazio ha deciso di produrre cioccolato di altissima qualità rilevando e trasformando una vecchia fabbrica di cioccolato, la Lavoratti 1938, con la consulenza del mitico pasticcere siciliano Corrado Assenza, Sting produce da molti anni vino e olio nella sua tenuta Il Palagio a Figline Valdarno, dove ha aperto anche un ristorante. Riccardo Scamarcio da diversi anni produce olio nella sua masseria in Puglia ma recentemente ha inaugurato anche la produzione di vino: a Polignano a Mare nasce il suo ‘Rivale’, unico Pinot nero pugliese, prodotto in un numero di bottiglie limitato.  

Notoriamente impegnato nella produzione di vino e olio è anche Al Bano, che nella sua tenuta di Cellino San Marco, da molti anni alterna la sua attività artistica con quella di agricoltore: uno dei suoi vini più noti è il ‘Don Carmelo’, che porta il nome del padre del cantante. Anche il conduttore di ‘Porta a Porta’ Bruno Vespa ha avviato in Manduria una produzione di vino con i figli Alessandro e Federico. Con l’etichetta ‘vespa – Vignaioli per Passione’ nascono ‘Il Bruno dei Vespa’, ‘Il Rosso dei Vespa’ e anche lo spumante ‘Noitre’.  

Tra gli artisti toscani, Andrea Bocelli, ha proseguito una tradizione che era già di famiglia coltivando nella sua tenuta di Lajatico vitigni toscani classici come il Sangiovese, il Canaiolo, il Colorino, la Malvasia e il Trebbiano dando vita a bottiglie dai nomi suggestivi come ‘Bacelli Tenor’, ‘Bocelli In Canto’ e il più economico ‘Andrea vino rosso’. Nella stessa tenuta nasce anche ‘Lajatica’, una linea cosmetica realizzata con le vinacce.  

Non poteva mancare all’appello la senese Gianna Nannini, che produce in Toscana tre vini rossi: ‘Baccano’ (che prende il nome da una sua canzone ‘Radio Baccano’), ‘Rosso di Clausura’ e ‘Il Chiostro di Venere’.  

L’enogastronomia italiana ha stregato anche altri artisti stranieri, così da molti anni l’attrice francese Carol Bouquet produce un ottimo passito a Pantelleria, che ha chiamato ‘Sangue d’oro’, mentre Mick Hucknall, la mitica voce dei Simply Red, ha avviato bnel 2000 la produzione del ‘Nero D’Avola, Il cantante’ in una tenuta ai piedi dell’Etna, in provincia di Catania, che però recentemente ha messo in vendita.  

Per finire, brilla per originalità l’attrice inglese premio Oscar Helen Mirren che nella sua masseria a Tiggiano, in Puglia, ha 400 piante di melograno con cui ha annunciato di voler produrre del succo di frutta salutare e biologico.  

FLASH

Le ultime

Ministero del Mare, le imprese vogliono le mani libere

(Adnkronos) - “Non siamo affezionati ai nomi o agli slogan, ma preferiamo guardare alla sostanza. Se l’istituzione di...

Forse ti può interessare anche