Ucraina sotto attacco, missili Russia su diverse città
U

La striscia

(Adnkronos) – La Russia ha lanciato un nuovo attacco missilistico su vasta scala contro l’Ucraina. Una settantina i missili lanciati, secondo Yuriy Sak, consigliere del ministro ucraino della Difesa. In un primo commento, il capo dell’ufficio della presidenza ucraina, Andriy Yermak, ha parlato di reazione russa al discorso del presidente Volodymyr Zekensky al G20. “La Russia risponde al potente discorso di Zelensky al G20 con un nuovo attacco missilistico. Veramente qualcuno pensa seriamente che il Cremlino voglia la pace? Comunque alla fine i terroristi perdono sempre”, ha scritto su Twitter.  

A Kiev sono stati colpiti due edifici nel distretto di Pechersk. Lo ha reso noto il sindaco, Vitali Klitschko. In precedenza diversi media hanno riferito di una forte esplosione a Kiev.  

Oltre alla capitale, sono state prese di mira le città di Kryvyi Rih e Poltava, e la regione di Cherkassy. La contraerea è entrata in azione anche a Chernihiv e Vinnytsia, scrive il Guardian citando le autorità locali.  

I missili russi hanno colpito anche Kharkiv, nel nord-est dell’Ucraina, provocando problemi alla linea elettrica. Secondo il sindaco della città, Ihor Terekhov, nel raid è stata colpita un’ “infrastruttura essenziale”. “Al momento non si hanno informazioni sulle vittime. A causa di danni alla struttura, ci sono problemi con la fornitura di energia”, ha dichiarato su Telegram, annunciando che il servizio di tram e metropolitana è stato interrotto e che gli ingegneri “stanno facendo di tutto per normalizzare la vita a Kharkiv il prima possibile”. 

Esplosioni anche a Leopoli, dove è stato colpito un importante impianto per la produzione di energia nella regione occidentale. “A Leopoli vi sono problemi con la distribuzione dell’elettricità, interruzioni nel funzionamento degli operatori mobili. Rimanete nei rifugi! C’è ancora pericolo”, ha detto il governatore della regione, Maksym Kozytskyi, rivolgendosi alla popolazione.  

FORZE RUSSE SI RITIRANO DI 15-20 KM DA RIVA DNIPRO – Intanto le forze russe si stanno ritirando di 15-20 km dalle barriere costruite sulla riva sinistra (est) del fiume Dnipro per evitare gli attacchi ucraini. Lo ha detto Nataliia Humeniuk, portavoce del comando militare ucraino, citata da Ukrainska Pravda.  

“Ipoteticamente possono minacciare Kherson, perché la distanza gli permette di usare vari tipi di armi. Ma non abbiamo modo di rispondere. Detto questo, c’è una certa attività delle truppe nemiche sulla riva sinistra del Dnipro, in movimento di 15-20 km verso l’entroterra”, ha detto la portavoce. Humeniuk ha aggiunto che le forze ucraine tengono sotto tiro le vie di rifornimento logistico dei russi.  

FLASH

Le ultime

Consigli per aprire un bar di successo

(Adnkronos) - Perché aprire un bar può essere una buona idea   Roma, 28/11/2022 - Tra le attività imprenditoriali che fanno...

Forse ti può interessare anche