Ucraina, Zelensky: “Russia ha lanciato 4.700 missili da inizio guerra”
U

La striscia

(Adnkronos) – “La Russia ha utilizzato più di 4.700 missili in 270 giorni di guerra”. Centinaia delle nostre città sono state semplicemente bruciate. Migliaia di persone sono morte. Centinaia di migliaia sono state deportate con la forza in Russia. Milioni di persone hanno lasciato l’Ucraina per andare in altri paesi e fuggire dalla guerra”. Lo affera Volodymyr Zelensky, presidente dell’Ucraina, in una serie di messaggi su Telegram. 

“Dobbiamo fermare questo. Dobbiamo fermare l’aggressione russa. Il ritorno della pace è possibile, ma è possibile se tutti nel mondo capiscono che nessuno al mondo merita un solo giorno di terrore”, dice prima di soffermarsi sul quadro bellico nel dettaglio. 

“Le battaglie più feroci sono, come prima, nella regione di Donetsk. Nella regione di Luhansk, a poco a poco e ci muoviamo combattendo. Finora, ci sono stati quasi 400 bombardamenti nell’est dall’inizio della giornata. A Sud continuiamo la difesa e distruggiamo costantemente, in modo molto calcolato, le dotazioni degli invasori”, afferma. 

Quindi, il capitolo energia: “Ripristino di reti e capacità di fornitura tecnica, sminamento di linee elettriche, riparazioni: tutto procede 24 ore su 24. E ringrazio tutti i lavoratori del settore energetico, i lavoratori dei servizi comunali, le amministrazioni regionali, tutti coloro che lavorano per il bene degli ucraini”. Quindi, “la politica estera. La soluzione ucraina per la pace è percepita in modo estremamente positivo nel mondo. È una soluzione costruttiva e realistica, in contrasto con la vuota e menzognera retorica russa sulla loro presunta disponibilità ai negoziati. Faremo di tutto per far accettare al mondo la soluzione ucraina per la pace”. 

FLASH

Le ultime

Sicilia, scontro frontale tra Miccichè e Assessore Falcone

(Adnkronos) - La divisione in Fi finisce quasi in rissa alla festa tricolore, volano stracci tra i due forzisti. ---politicawebinfo@adnkronos.com...

Forse ti può interessare anche