15.8 C
Los Angeles
martedì, Aprile 16, 2024

Csel, in era pre-crisi energetica spesa media delle bollette dei Comuni italiani era 30mila euro mese
C

La striscia

(Adnkronos) – A quanto ammontano mediamente le bollette dei Comuni italiani? Una elaborazione di Centro Studi Enti Locali (Csel), per Adnkronos, basata su dati Mef-Siope (Sistema informativo sulle operazioni degli enti pubblici), ha fatto emergere che nell’era ante-crisi energetica (nel quadriennio 2018-2021), i Comuni italiani hanno speso mediamente oltre 30mila euro ciascuno al mese per: energia elettrica, gas, contratti di servizio per illuminazione pubblica e distribuzione del gas e utenze e canoni per altri servizi non altrimenti classificabili.  Dietro a questa media, chiaramente, si celano differenze abissali. Se nei Comuni fino a 5mila abitanti, prima del boom innescato dal conflitto russo-ucraino, si spendevano mediamente 9.650 euro al mese, questa cifra sale a 34.810 nei Comuni che hanno tra 5mila e 15mila abitanti, a 92.627 euro in quelli compresi tra 15mila e 50mila abitanti, a 327.335 nei Comuni ricompresi nella fascia 50mila-250mila abitanti e arriva a poco meno di 3 milioni al mese (2.925.100 euro) in quelli con più di 250mila abitanti.  Come era facile intuire, sia per dimensioni che per popolazione, è la Capitale l’amministrazione comunale che riceve in assoluto le bollette più care. Nei 4 anni presi in esame (2018, 2019, 2020 e 2021), Roma ha pagato mediamente 9 milioni e 125mila euro al mese per i capitoli di spesa sopra elencati (energia elettrica, gas, contratti di servizio per illuminazione pubblica e distribuzione del gas e utenze e canoni per altri servizi non altrimenti classificabili).  Seguono Milano, con 7 milioni e 75mila euro al mese, Torino (4,6 milioni) e Napoli (3,4 milioni). Molto vicine Bologna, Genova, Palermo e Venezia, che hanno mediamente speso 1,6 milioni al mese. Guardando sempre alle grandi città (con popolazione superiore a 250mila abitanti), chiudono il cerchio Verona, con 1,5 milioni di spesa mensile media, Firenze (1,3 milioni), Bari (676mila euro) e Catania con 604mila.  Se però si mettono in relazione questi numeri ai dati della popolazione residente al 31 dicembre 2020, la graduatoria degli enti che sostengono i costi più elevati cambia sensibilmente. Con quasi 77 euro all’anno per abitante, come spesa media, è Venezia la grande città italiana che, nel corso del quadriennio preso in esame, ha pagato di più per energia, illuminazione pubblica e affini in rapporto alla propria popolazione. Seguono: Verona (72,7 euro annui per abitante), Torino (65,4 euro), Milano (61,8 euro) e Bologna (50,3 euro). Roma, con i suoi 39,5 euro medi per residente, è soltanto ottava, preceduta anche da Napoli (44,4) e Firenze (42,2). Ancora più bassa invece la spesa media annua pro capite di Genova (35,4 euro), Palermo (31,3), Bari (25,6) e Catania (24,2).  —economiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Malattie del cuore, in Italia provocano una morte su 3

(Adnkronos) - "Le malattie cardio, cerebro e vascolari, che rappresentano ancora oggi la prima causa di mortalità in Italia...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.