14.6 C
Los Angeles
sabato, Maggio 25, 2024

Scuola, a Trento il Ddl ‘Libertà educativa famiglie’
S

La striscia

(Adnkronos) – Un disegno di legge per “garantire la libertà educativa delle famiglie”, e che di fatto è la modifica della legge provinciale sulla scuola del 2006, è stato presentato oggi a Trento dal primo firmatario, il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia Claudio Cia, insieme al consigliere provinciale della Lista Fassa Luca Guglielmi, all’assessore all’Istruzione Mirko Bisesti e al presidente di ProVita & Famiglia onlus Antonio Brandi. Il disegno di legge, numero 148 del 3 giugno 2022, è attualmente in discussione nella V commissione (Istruzione e Ricerca), in attesa di approvazione per poi passare al vaglio del Consiglio provinciale.  Il testo prevede che la partecipazione alle attività che non rientrano nel curriculum obbligatorio, come quelle sull'educazione e identità sessuale, sulla salute riproduttiva o sul genere, “è facoltativa e dev’essere inserita nel progetto d’istituto”, e in ogni caso per essere approvata devono prevedere un iter organizzativo con la valutazione degli esperti coinvolti, dei finanziatori e dei materiali didattici utilizzati. In caso di progetti su questi argomenti nelle scuole primarie e secondarie di primo grado, che prevedano il coinvolgimento degli studenti, devono essere “preventivamente progettati in forma dettagliata, con l'indicazione dei soggetti coinvolti, e presentati ai genitori per una loro preventiva approvazione in forma scritta”.  “Questo disegno di legge vuole difendere il diritto dei genitori di decidere sui percorsi formativi facoltativi dei loro figli — ha spiegato Claudio Cia, Consigliere provinciale di Fratelli d’Italia della Provincia autonoma di Trento — tanto più in una scuola dove non di rado assistiamo a forzature per giustificare percorsi formativi che prevaricano al suo ruolo, che è quello di educare e di formare i ragazzi in modo che siano pronti per affrontare la vita, insegnando la libertà di pensiero e l'indipendenza, e non certo quello di instillare in loro incertezze e confusione”.  L’idea del disegno di legge era scaturita dall’iniziativa di Luca Poli, responsabile del “Movimento pinetano per la vita”, che aveva raccolto 5.942 firme a sostegno di una petizione popolare con la richiesta di un disegno di legge provinciale “sulla libertà educativa, per bandire l'ideologia gender dalle scuole”.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Salute, Fatale (J&J MedTech): “Al fianco di Sicob per offrire migliori cure al paziente obeso”

(Adnkronos) - "La partnership consolidata che da anni ci vede al fianco della Sicob ha come obiettivo comune quello...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.