7.5 C
Rome
mercoledì 7 Giugno 2023
Italiaambiente è partner di Adnkronos

Simone Manferdini: “Investimenti diversificati, graduali e a lungo termine per guardare oltre la crisi energetica ed economica”
S

La striscia

(Adnkronos) – Il consulente finanziario consiglia il bilanciamento del portafoglio con azioni, obbligazioni e operazioni nell’economia reale Verona, 13 febbraio 2023. La crisi energetica mette in difficoltà le imprese, sebbene abbiano commesse e materiale da lavorare. Nel frattempo l’inflazione continua a salire e, nel tentativo di contenerla, le Banche centrali aumentano i tassi d’interesse. Tutto ciò, evidentemente, ha ricadute importanti sulla gestione delle liquidità, che da una parte risultano ancora più determinanti, visto il momento di difficoltà di cui è difficile prevedere la fine, e dall’altra rischiano di assottigliarsi se lasciate ferme sul conto corrente. “Lasciare il denaro sul conto oggi significa perdere potere d’acquisto giorno dopo giorno” spiega Simone Manferdini, consulente finanziario con oltre vent’anni di esperienza, che sottolinea come “adesso più che mai sia importante rivolgersi a professionisti competenti per una gestione accurata degli investimenti”. Anche in un periodo tanto complesso, infatti, è possibile investire in modo proficuo, ma solo seguendo una strategia studiata e attenta, affidandosi a persone capaci di orientarsi in un contesto così particolare. “Il consiglio è di diversificare il proprio portafoglio, bilanciando le operazioni sul mercato azionario, su quello obbligazionario e in quello privato, cioè nella cosiddetta economia reale” aggiunge il consulente finanziario, che trova il presupposto indispensabile per ogni tipo di operazione nella “consapevolezza di dover investire oggi per poter avere buoni rendimenti a medio se non a lungo termine. Obbligazioni a tre anni con un rendimento del 3,5/4%per cento annuo, per esempio, possono rappresentare una buona alternativa al lasciare il denaro sul conto corrente, mentre per gli investimenti in azioni è fondamentale accumulare partecipazioni in questo momento, in modo graduale, per poter beneficiare di rendimenti molto interessanti nei prossimi anni e investire non in un’unica soluzione, così da poter assorbire le rapide evoluzioni del mercato”. Ed è graduale e a lungo termine anche l’investimento che può essere effettuato nel settore privato. “Si tratta dell’ingresso in fondi che acquistano partecipazioni in imprese private – spiega Manferdini – In passato questo tipo di operazione era riservata a grandi patrimoni e investitori istituzionali, ma oggi grazie ad alcune realtà, come quella per cui lavoro io,possono accedervi anche piccoli risparmiatori. Questi strumenti, investendo su più imprese e in maniera graduale nel tempo, consentono di avere rendimenti interessanti. L’ideale sarebbe destinarvi tra il 20%e il 30%del portafoglio”. Contatti simone.manferdini@azimut.it
 —immediapress/economia-finanzawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Carrefour Italia, l’aperitivo cult è home made

(Adnkronos) - La partnership tra Carrefour Italia e Aperitivo Festival, format di MWW Group, continua in occasione della seconda...

Forse ti può interessare anche