14.6 C
Los Angeles
sabato, Maggio 25, 2024

Chmp di Ema, ok a commercializzazione nuova terapia target per leucemia mieloide acuta e colangiocarcinoma
C

La striscia

(Adnkronos) – Il Comitato per i medicinali a uso umano (Chmp) dell'Agenzia europea del farmaco Ema ha raccomandato l'autorizzazione all'immissione in commercio di ivosidenib compresse – un inibitore dell'enzima mutato isocitrato deidrogenasi 1 (Idh1) – per due indicazioni: in combinazione con azacitidina per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta (Lma) Idh1 mutata di nuova diagnosi e non candidabili alla chemioterapia di induzione standard; in monoterapia per il trattamento di pazienti adulti con colangiocarcinoma (Cca) Idh1 mutato, localmente avanzato o metastatico, precedentemente trattato. Lo annuncia Servier, l'azienda produttrice della terapia, spiegando che il parere positivo del Chmp si basa sui dati clinici degli studi Agile (Lma) e ClarIDHy (Cca). "Si tratta di un importante traguardo per il trattamento dei pazienti affetti da leucemia mieloide acuta – afferma Hartmut Döhner, direttore medico del Dipartimento di Medicina interna dell'Ospedale universitario di Ulm, Germania – Circa nell'8% dei casi di questo tipo di tumore è presente la mutazione Idh1 e per questi pazienti questa efficace target therapy rappresenta un'importante opzione terapeutica, con solide prove di miglioramento della sopravvivenza globale e, cosa altrettanto importante, anche della qualità di vita". "Questa è un'ottima notizia per i pazienti con colangiocarcinoma intraepatico avanzato, un tumore con prognosi molto sfavorevole e opzioni terapeutiche limitate – aggiunge John Bridgewater, professore e consulente in Oncologia medica, University College Hospital, Londra – Per circa il 15% dei pazienti che presentano una mutazione Idh1, questa target therapy offrirà una valida opzione terapeutica, mirata ed efficace. Una nuova terapia personalizzata a disposizione dell'oncologia per migliorare il trattamento dei pazienti colpiti da questo tumore raro". La Lma – ricorda Servier in una nota – è un tumore del sangue e del midollo osseo caratterizzato da una rapida progressione. E' la leucemia acuta più comune negli adulti e colpisce 5 su 100mila abitanti in Europa, con oltre 20mila nuovi casi ogni anno. Il tasso di sopravvivenza a 5 anni per le persone con più di 60 anni è del 20%. Il colangiocarcinoma, tumore dei dotti biliari, è un tumore raro e aggressivo, spesso legato ad anamnesi mediche quali cirrosi o infezioni epatiche. Colpisce 1-3 su 100mila abitanti in Europa, con circa 10mila nuovi casi ogni anno. Il tasso di sopravvivenza a 5 anni è del 9%, ma è nullo nelle fasi metastatiche. Solo la chirurgia può curare i pazienti, ma il trattamento è possibile per un numero limitato di malati e il rischio di recidiva rimane elevato. La chemioterapia e l'immunoterapia sono le terapie standard per i pazienti con Cca che non possono essere sottoposti a intervento chirurgico o la cui malattia è progredita dopo l'intervento. "Il parere positivo del Chmp – dichiara Claude Bertrand, Executive Vice President R&D di Servier – è un ulteriore passo avanti verso la disponibilità nell'Unione europea di ivosidenib, il primo inibitore di Idh1 di cui è stata raccomandata l'approvazione in Europa per i pazienti affetti da Lma e Cca per i quali le opzioni terapeutiche sono molto limitate. Ivosidenib è il frutto della profonda trasformazione e dell'impegno di Servier in oncologia, che ha intrapreso un percorso promettente per i pazienti, concentrando la sua ricerca sui tumori difficili da trattare e sullo sviluppo di terapie mirate".  Negli Stati Uniti ivosidenib è approvato dalla Fda in combinazione con azacitidina o come monoterapia per il trattamento della leucemia mieloide acuta Idh1-mutata di nuova diagnosi in adulti di età pari o superiore a 75 anni o che presentano comorbidità che precludono l'uso di una chemioterapia di induzione intensiva, e come monoterapia per il trattamento di adulti con Lma Idh 1-mutata recidivata o refrattaria. Il farmaco è approvato negli Usa anche per i pazienti con colangiocarcinoma Idh1-mutato, localmente avanzato o metastatico, precedentemente trattati. Ivosidenib in Cina può essere impiegato nei pazienti adulti con Lma recidivata o refrattaria che presentano una mutazione Idh1. Il parere positivo del Chmp per ivosidenib nei pazienti affetti da Lma e Cca con mutazione Idh1 sarà sottoposto alla Commissione europea che emetterà una decisione finale entro circa due mesi. La decisione sarà applicabile a tutti i 27 Stati membri dell'Ue più Islanda, Norvegia, Irlanda del Nord e Liechtenstein. —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Salute, Fatale (J&J MedTech): “Al fianco di Sicob per offrire migliori cure al paziente obeso”

(Adnkronos) - "La partnership consolidata che da anni ci vede al fianco della Sicob ha come obiettivo comune quello...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.