-1.7 C
Rome
giovedì 30 Novembre 2023
Italiaambiente è partner di Adnkronos

Israele-Gaza, Consiglio Europeo: “Corridoi umanitari e pause per aiuti”
I

La striscia

(Adnkronos) – Il Consiglio Europeo esprime la propria "più grave preoccupazione per il deterioramento della situazione umanitaria a Gaza e chiede un accesso umanitario rapido, sicuro e senza ostacoli, per raggiungere tutti coloro che ne hanno bisogno attraverso tutte le misure necessarie, inclusi corridoi umanitari e pause per esigenze umanitarie". Lo riportano le conclusioni del Consiglio Europeo in materia di Medioriente approvate dopo oltre cinque ore dai leader dei Paesi membri dell'Ue riuniti a Bruxelles.  L'Unione Europea "è pronta a contribuire al rilancio di un processo politico sulla base della soluzione a due Stati, anche attraverso lo sforzo per la Giornata della pace, accoglie con favore le iniziative diplomatiche in materia di pace e sicurezza e sostiene lo svolgimento di una conferenza internazionale di pace presto", secondo le conclusioni. Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, che due giorni fa ha concluso un accordo di governo con la piattaforma di sinistra Sumar, aveva auspicato la convocazione di "una conferenza internazionale di pace entro sei mesi, perché tutta la comunità internazionale si senta coinvolta e perché possiamo finalmente trovare una soluzione a due Stati per Israele e Palestina". Una fonte diplomatica europea spiega che "alcuni Paesi, molto pochi", avrebbero voluto "un linguaggio più forte" nella parte delle conclusioni dedicata al conflitto in Medio Oriente, "qualcosa di più simile ad un cessate il fuoco", dice. La maggioranza dei leader, riuniti nella sala senza i telefonini, si è trovata d'accordo con la richiesta di una "pausa umanitaria" o di "pause umanitarie", perché non vuole comunicare il messaggio che Israele dovrebbe smettere di attaccare le basi di Hamas. Tra i "pochissimi Paesi" favorevoli ad un linguaggio più forte c'è sicuramente la Spagna. Il premier Pedro Sanchez lo ha detto prima di entrare: "Come primo ministro spagnolo, vorrei vedere un cessate il fuoco a fini umanitari" nella guerra tra Israele e Hamas nella Striscia di Gaza, ha affermato, "ma, se non possiamo averlo, allora una pausa umanitaria per convogliare tutti gli aiuti umanitari necessari" alla popolazione. Sanchez, che è anche leader del Psoe, ha stretto l'altroieri un accordo di governo con Sumar, una piattaforma elettorale che va dalla sinistra all'estrema sinistra, guidata da Yolanda Dìaz, già ministra del Lavoro. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Roma, Arzà (Assogasliquidi-Federchimica) su Ztl: “Bene modifiche da Comune e Regione”

(Adnkronos) - "Accogliamo con soddisfazione il lavoro svolto da Roma Capitale e Regione Lazio sulla rimodulazione della delibera Ztl...

Forse ti può interessare anche