14.3 C
Los Angeles
lunedì, Marzo 4, 2024

Palermo, cane bruciato dal padrone supera seconda notte. Lav: “Un guerriero”
P

La striscia

(Adnkronos) – "Aron ha superato anche la seconda notte ed è stabile al momento". E' quanto scrive la Lega Anti Vivisezione sul suo sito, spiegando come il pitbull, legato dal proprietario in via delle Croci a Palermo e dato alle fiamme dal suo stesso proprietario, stia lottando tra la vita e la morte. "I medici stanno facendo il possibile perché non senta dolore e perché possa esserci anche una sola speranza. Abbiamo ottenuto dall'autorità giudiziaria l'affido e siamo al suo fianco" scrivono dalla Lav definendolo "un guerriero". Il cane è stato ricoverato grazie all’intervento di un passante, riportando ustioni su oltre l’80% del corpo e gravi danni agli organi interni.  Per poterlo tutelare ed evitare il trasferimento presso la clinica convenzionata con il Comune, troppo rischiosa secondo i veterinari curanti viste le condizioni critiche e la prognosi riservata, ha fatto richiesta all’autorità giudiziaria di sottoporlo a sequestro preventivo e di poterlo prendere in custodia giudiziaria per farsi quindi carico di tutte le spese veterinarie e del suo mantenimento. “Siamo con il fiato sospeso, sperando che Aron continui a lottare, nonostante la grande sofferenza che sta provando, e riesca a sopravvivere all’orrore che ha subito – dichiara la Lav – nel frattempo depositiamo una denuncia per maltrattamento e chiediamo al Sindaco di Palermo Roberto Lagalla che dia un segnale forte volto a tutelare tutti gli animali del territorio emanando un’ordinanza che vieti a chi ha compiuto un gesto di tale gravità ed efferatezza di poter detenere altri animali, nonché di prevedere un accertamento sulle condizioni psichiche a tutela anche dell’incolumità pubblica”.  Non possiamo, inoltre, non sottolineare quanto le pene previste per reati di tale efferatezza a danno degli animali siano gravemente inadeguate. “Non mancheremo di ricordare questo e gli altri casi – continua la Lav – come quello del gatto Leone scuoiato vivo a Cava de' Tirreni, che hanno affollato le cronaca degli ultimi mesi per fare ulteriore pressione sui deputati della Commissione Giustizia della Camera perché si proceda con l'esame e l'approvazione delle proposte di Legge per inasprire le pene e rendere più efficaci le norme per perseguire i reati contro gli animali”. A poche ore dal suo lancio, sono già 1.172 le firme raccolte per la petizione 'Giustizia per il cane bruciato vivo a Palermo', lanciata dall’associazione 'Uniti per salvarli O.d.v.' su Change.org. “Siamo profondamente sconvolti e indignati di fronte all'atroce atto di crudeltà perpetrato contro un innocente pitbull nella zona di via delle Croci, nei pressi della chiesa di Santa Maria del Monserrato a Palermo – si legge nella petizione -. Chiediamo la tua partecipazione attiva firmando questa petizione per sostenere la ricerca di giustizia per questa vittima innocente”. “Sollecitiamo il governo a rivedere e potenziare il codice penale in materia di reati contro gli animali – prosegue -. È fondamentale che la legge rifletta la gravità di tali crimini e che vengano implementate pene severe per coloro che commettono atti di crudeltà verso gli animali”. —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Concerto con musicisti affetti da sordità, a Torino la musica senza barriere

(Adnkronos) - Un concerto che spazia dalla musica classica al folk rock, dalla danza ai balli latini, arricchito anche...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.