17.1 C
Los Angeles
lunedì, Aprile 22, 2024

Australian Open, Bolelli e Vavassori battuti in finale doppio
A

La striscia

(Adnkronos) – Simone Bolelli e Andrea Vavassori sconfitti nella finale del doppio maschile agli Australian Open 2024. I due azzurri vengono battuti dalla coppia formata dal 36enne Matthew Ebden e dal 43enne Rohan Bopanna, numero 2 del tabellone. L'australiano e l'indiano si impongono per 7-6 (7-0), 7-5.  Bolelli deve annullare una palla break sul suo turno di servizio, Vavassori deve fare lo stesso poco dopo (2-2). Gli azzurri hanno una chance sul 5-5: Ebden annulla la palla break e chiude il game con un ace sulla seconda palla. L'epilogo viene rinviato al tie-break che non ha storia. Ebden e Bopanna alzano il livello e non sbagliano nulla, 7-0 e primo set chiuso 7-6 in 51'. L'equilibrio regna nel secondo set fino al 5-5. Nell'undicesimo game, Vavassori sprofonda fino a 0-40: impossibile recuperare e break decisivo. Ebden chiude, 7-5 e game over. Bopanna, che a marzo compie 44 anni, vince il primo titolo dello Slam in una lunghissima carriera e da lunedì con Ebden si prenderà il primo posto nel ranking di doppio.  "Non abbiamo vinto, abbiamo vissuto due settimane splendide a Melbourne", dice Bolelli. "Abbiamo iniziato a giocare insieme lo scorso un anno fa, penso e spero che avremo altre chance di giocare insieme e di vincere un grande torneo", aggiunge. "Stiamo facendo grandi cose, sono sicuro che la stagione sarà piena di soddisfazioni per noi", fa eco Vavassori.   —sportwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Applausi di alcuni studenti a scena omicidio Siani durante film, Valditara: “Farò piena luce”

(Adnkronos) - "La gravità del gesto di applaudire all’efferato assassinio camorristico del giornalista Giancarlo Siani, come è avvenuto a...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.