18.8 C
Los Angeles
martedì, Aprile 16, 2024

Attacco Iran, nella notte del raid prove di alleanza tra Israele e Paesi arabi

(Adnkronos) - Un'alleanza forgiata in poco tempo,...

Atalanta-Verona 2-2, rimonta gialloblu e stop nerazzurri

(Adnkronos) - Atalanta e Verona pareggiano 2-2...

Salute, Iezzi (Abbvie): “Ulteriore sforzo terapeutico per pazienti con Mici”
S

La striscia

(Adnkronos) – "Secondo i risultati del nostro studio Podcast, più della metà dei pazienti purtroppo è in un controllo non ottimale di malattia. Per loro c'è quindi bisogno di un ulteriore sforzo terapeutico". Così Annalisa Iezzi, direttore medico di Abbvie, a margine dell'incontro con la stampa sul tema 'Malattia di Crohn e colite ulcerosa: diamo luce all'invisibile', oggi a Milano, durante il quale sono stati presentati i risultati dello studio osservazionale Podcast e dell'indagine sui pazienti Acquire-Ibd realizzata dall'Associazione nazionale per le malattie infiammatorie croniche dell'intestino.  "Lo studio Podcast è stato condotto a livello mondiale – spiega Iezzi – ma oggi parliamo del campione clinico italiano, composto da più di 200 pazienti, divisi a metà tra pazienti con malattia di Crohn e colite ulcerosa. Le domande poste ai pazienti nel corso dello studio andavano a valutare la qualità di vita secondo dei parametri clinici importanti, validati da un consensus internazionale di rilevanza scientifica, e i risultati sono poi stati correlati con la percezione del paziente stesso e dei medici che le hanno in cura". Dall'indagine è emerso infatti anche un "disallineamento della percezione di gravità di malattia, e quindi di benessere, tra i pazienti e i medici. C'è bisogno di colmare questo gap clinico anche migliorando la comunicazione tra medico e paziente. La comunicazione è infatti fondamentale – sottolinea il direttore medico di Abbvie – soprattutto in un'area dove si parla spesso di malattia e disabilità invisibile, non perché non siano visibili, ma perché i pazienti tendono a subire lo stigma di una malattia di cui non è facile parlare. Siamo qui oggi anche per questo". Parlare di queste malattie "è un dovere etico – continua Iezzi – Ogni paziente è un'esperienza a sé e ha un'esperienza di malattia completamente differente a seconda delle manifestazioni cliniche che ne esprimono la severità e della percezione che il paziente stesso ha" della patologia. Tornando alla ricerca, "è un onore – conclude – poter portare gli studi clinici in Italia e nuove soluzioni terapeutiche. Attualmente abbiamo più di 400 studi clinici con nuove sperimentazioni, che vanno da trial clinici con nuovi interventi terapeutici fino a studi osservazionali che vanno a valutare come le soluzioni terapeutiche si calino nella realtà sanitaria italiana". —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Malata di cancro avvia cure solo dopo nascita figlio, morta a 33 anni

(Adnkronos) - Aveva deciso di portare avanti la gravidanza nonostante il ritorno del cancro, da cui sembrava inizialmente guarita....

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.