17.1 C
Los Angeles
lunedì, Aprile 22, 2024

Ucraina, ambasciatore francese a Roma: “No piani invio truppe, ma essere credibili con Mosca”
U

La striscia

(Adnkronos) – La proposta del presidente Emmanuel Macron di inviare truppe occidentali in Ucraina, il presunto 'sgarbo' all'Italia dell'inquilino dell'Eliseo, assente al G7 – il primo sotto presidenza italiana – che sabato Giorgia Meloni ha presieduto da Kiev. Ma anche le accuse di atteggiamenti predatori francesi nei confronti dell'Italia, il Piano Mattei – stella polare della politica estera italiana in Africa – i timori per le interferenze russe sulle prossime Europee e la questione dell'instabilità del Sahel, teatro di una serie di colpi di Stato. Infine l'Europa e la difesa comune. Sono questi i temi principali di un'intervista a tutto campo rilasciata dall'ambasciatore francese in Italia, Martin Briens, al Forum dell'Adnkronos. E che è iniziata proprio con un commento sulle parole pronunciate da Macron al vertice straordinario di Parigi sull'Ucraina, che in queste ore stanno scatenando un'ondata di reazioni tra tutti i leader europei e non solo. Provocazione o proposta reale? "Non c'è un piano per l'invio di truppe in Ucraina, ma se vogliamo essere credibili nei confronti della Russia non è possibile escluderlo", risponde l'ambasciatore, che riconosce come sul tema non ci sia consenso. "Il presidente non ha detto che stiamo per inviare truppe in Ucraina oggi – precisa – Ci sarà un dibattito su questo tema e poi vedremo come evolverà". Briens definisce "cruciale" la fase che la guerra in Ucraina sta attraversando e mentre la Russia "chiaramente vuole continuare", l'Europa è chiamata a dimostrare la sua determinazione. "A volte si parla di stanchezza nel mondo occidentale, per me è un po' sorprendente perché noi non combattiamo", puntualizza il diplomatico, secondo cui per quanto riguarda il sostegno a Kiev "spetta agli ucraini dirci se è sufficiente o meno. Oggi dicono che vogliono più armi, più velocemente. In qualche modo il nostro sostegno collettivo forse è un po' troppo poco, troppo tardi, troppo prevedibile. Quindi dobbiamo fare molto di più".  Il Forum dell'Adnkronos è stata l'occasione per Briens per chiarire i motivi dell'assenza di Macron al G7. Un'assenza pesante, che ovviamente ha fatto discutere, ma – specifica – non frutto di una contrapposizione tra Macron e Meloni. "L'assenza è stata davvero una questione di agenda. L'Italia in un primo momento aveva proposto la riunione per giovedì e Macron era disponibile, poi per venerdì e anche quel giorno Macron era disponibile, ma non potevano altri", assicura Briens, sottolineando che dall'Eliseo "avevano detto che il sabato non era possibile perché c'era l'inagurazione del Salone dell'Agricoltura che in Francia è un evento importantissimo, un evento al quale da tanti anni partecipano i presidenti della Repubblica". "Quindi nessun problema – insiste l'ambasciatore – Anche perché per noi il G7 ovviamente è importantissimo, il momento è cruciale, a causa della guerra ovviamente, ma anche per il Medio Oriente. Dunque non c'era nessuna ragione di non partecipare a questo vertice tranne che per il fatto che coincideva con il Salone dell'Agricoltura". E in ogni caso "tra il presidente Macron e il presidente Meloni ci sono scambi che molto spesso avvengono direttamente tra loro o a margine dei vertici a Bruxelles e altrove".  Le accuse di atteggiamenti predatori francesi nei confronti dell'Italia "sono molto esagerate": tra l'Italia e la Francia c'è reciprocità a livello economico. La vera sfida sarà quella con i paesi extra Ue e in particolare con la Cina, prosegue l'ambasciatore in merito alle tensioni tra Italia e Francia sul piano economico. "Gli scambi economici tra la Francia e l'Italia – afferma Briens – sono molto equilibrati. E' vero per le esportazioni e le importazioni ed è vero anche per gli investimenti. La Francia oggi è il primo investitore in Italia e investiamo oltre 74 miliardi di euro che rappresentano circa 300 mila posti di lavoro e circa 2mila imprese. Ed è reciproco. L'Italia fa parte dei primi cinque investitori stranieri in Francia: ci sono 2 mila imprese italiane in Francia e gli investimenti italiani sono aumentati del 45% in tre anni. Quindi i rapporti economici tra i nostri due paesi si stanno riequilibrando". La vera sfida comune per la Francia e l'Italia, rileva Briens, "non è la nostra competizione. La sfida più importante è quella che riguarda i Paesi terzi, per esempio la Cina nell'ambito automobilistico. Le auto cinesi stanno per invadere l'Europa ed è una realtà già oggi. Per le imprese francesi e italiane la vera priorità è come rispondere. Non è una questione solo per le nostre aziende ma anche per i nostri governi: è la sfida più importante per la nostra industria".  La Francia ritiene "un segnale positivo" la strategia dell'Italia per l'Africa con il Piano Mattei, ora la questione sarà "coordinare le nostre strategie, anche con l'Ue", aggiunge l'ambasciatore, rimarcando che "le sfide e anche le opportunità in Africa sono immense per la Francia, l'Italia e tutta l'Europa". A poposito dell'instabilità del Sahel, Briens chiarisce che "né la Francia né l'Italia né altri Paesi sono in grado di affrontare "da soli" le principali sfide che rendono instabile la regione africana.  "E' necessario" contrastare eventuali interferenze russe in occasione delle elezioni europee, "ma è molto difficile. Non solo la Russia ma principalmente la Russia, ha già fatto nel passato tante operazioni di disinformazione e di interferenze: negli Stati Uniti in occasione delle elezioni presidenziali del 2016, in Francia durante le elezioni presidenziali del 2017 e altrove", mette in evidenza l'ambasciatore transalpino, secondo cui di recente c'è stato un aumento di queste operazioni di disinformazione e "la settimana scorsa abbiamo denunciato un'operazione massiccia che si chiama 'portal Kombat' con 193 piattaforme usate dalla Russia per disinformare. Questa sfida, quindi, è importantissima per le nostre democrazie e per queste elezioni". Poi cita i temi "importantissimi" della campagna: agricoltura, sicurezza del continente europeo, immigrazione, transizione ambientale ed energetica, allargamento, riforma dell'Ue.  La difesa comune europea è "un imperativo" visto il contesto di sicurezza in cui si trova l'Europa, dalla guerra in Ucraina a quella in Medio Oriente fino all'instabilità in Africa, scandisce Briens, evidenziando come la missione navale Aspides nel Mar Rosso – nata da un accordo tra Francia, Italia e Germania per contrastare la minaccia Houthi – rappresenti "un altro passo" verso la difesa comune. Si tratta di una missione "molto importante per la nostra sicurezza e anche per la nostra economia", prosegue l'ambasciatore, evidenziando come gli attacchi degli houthi contro il traffico marittimo rappresentino "una sfida per l'Europa". Ma non è la prima missione navale comune, conclude l'ambasciatore, che alla domanda sull'eventuale interesse della Francia per il ruolo di commissario alla Difesa risponde: "E' una proposta nuova, ma non ancora decisa. Vedremo. Di certo nessun Paese può prenotare posti".  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Applausi di alcuni studenti a scena omicidio Siani durante film, Valditara: “Farò piena luce”

(Adnkronos) - "La gravità del gesto di applaudire all’efferato assassinio camorristico del giornalista Giancarlo Siani, come è avvenuto a...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.