18.8 C
Los Angeles
giovedì, Aprile 25, 2024

Enel, intesa con sindacati: 2.000 ingressi in 3 anni

(Adnkronos) - Accordo raggiunto tra Enel e...

Europee, magistrato Tarfusser si candida: ira Castagna contro Calenda

(Adnkronos) - Cuno Tarfusser, il magistrato che...

Atalanta-Fiorentina 4-1, nerazzurri in finale Coppa Italia contro la Juve

(Adnkronos) - L'Atalanta batte la Fiorentina per...

Gli animali che abitano i paesini fantasma diventeranno un film
G

La striscia

Al via “tra le case abbandonate”, un nuovo progetto cinematografico per i pluripremiati registi e fotografi naturalisti Paolo Rossi e Nicola Rebora. I fondi verranno raccolti attraverso la piattaforma di crowdfunding “Produzioni dal Basso” a questo link e sono previsti diversi premi per coloro che doneranno una cifra a sostegno della realizzazione del film. 

L’obiettivo è quello di realizzare un cortometraggio che vedrà protagonisti i nuovi abitanti di alcuni paesini fantasma dell’Appennino delle Quattro Province (ovvero in un territorio compreso tra Alessandria, Genova, Pavia e Piacenza). Per dodici mesi le video-trappole hanno ripreso animali selvatici in movimento tra i ruderi delle case un tempo abitate dall’uomo.

“Un grande noce cresce dentro un vecchio camino, uno scoiattolo rosso visita un nocciolo che si è fatto strada tra le crepe nei muri e alcune volpi si muovono tra le rovine in cerca di un luogo riparato dove riposare. Siamo sicuri che sia giusto definire questi luoghi “abbandonati”? Grazie al “sostegno dal basso” “è nostra intenzione realizzare ulteriori video nel corso dei prossimi cinque mesi e terminare il film entro dicembre del 2024”, conclude Paolo Rossi.

FLASH

Le ultime

25 aprile, il pediatra: “Ecco come spiegarlo ai bambini”

(Adnkronos) - 25 aprile data importante per gli italiani. E, come tutti gli anni, al centro in questi giorni...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.