21 C
Los Angeles
giovedì, Aprile 18, 2024

Terremoto a Ricigliano, scossa di magnitudo 2.1: nessun danno

(Adnkronos) - Una scossa di terremoto di...

Attentato a Mosca, 40 morti: attacco alla sala concerti, cosa sappiamo
A

La striscia

(Adnkronos) –
Almeno 40 morti e 145 feriti, compresi bambini. L'attentato terroristico alla Crocus City Hall, la più grande sala concerti di Mosca, scuote la Russia e alza ulteriormente la tensione in un momento cruciale. L'attacco compiuto da un commando di uomini armati viene rivendicato dall'Isis secondo il canale Telegram dell'agenzia Amaq, legata all'organizzazione, anche se le certezze non sono assolute. Mosca, subito dopo l'attentato, chiama in causa indirettamente l'Ucraina. Non ci sono elementi per accusare ma dalle alte sfere partono messaggi chiari: se l'Ucraina è responsabile, pagherà. Kiev respinge tutto e nega categoricamente il coinvolgimento nell'attacco.  Sono da poco passate le 19 ora italiana del 22 marzo 2023 quando arrivano le prime notizie relative ad una sparatoria. Il tenore delle news cambia rapidamente mentre su Telegram si diffondono video registrati all'interno del complesso. 
Un commando composto da almeno 5 uomini, con armi automatiche e granate, apre il fuoco sui civili. Nella serata di Mosca, la sala concerti è affollata da 6200 persone, secondo i dati relativi ai biglietti. In programma, in particolare, un concerto del gruppo Pic Nic. Il lancio di almeno una granata contribuisce a provocare un incendio che verrà domato solo nella notte di Mosca: il tetto del complesso viene divorato dalle fiamme. 
Il commando intanto apre il fuoco nell'atrio, sfonda le porte a vetri. I video mostrano il panico anche nella sala concerti, con la platea che si svuota tra grida di panico e colpi di armi automatiche. Centinaia di persone abbandonano la Crocus City Hall correndo per le strade di Mosca. Sul posto arrivano le forze speciali, polizia e decine di ambulanze. I feriti vengono trasferiti negli ospedali: secondo il bollettino delle autorità sanitarie, quelli in gravi condizioni sono 9. Ricoverati anche 5 bambini, uno in pericolo di vita.   
L'Isis, su Telegram, rivendica l'attacco e afferma che i responsabili dell'azione sono rientrati in sicurezza alle loro basi. "I combattenti dello Stato islamico hanno attaccato un grande raduno di cristiani nella città di Krasnogorsk, alla periferia della capitale russa, Mosca, uccidendo e ferendo centinaia di persone e causando grandi distruzioni al posto prima di ritirarsi nelle loro basi in sicurezza", si legge nel messaggio. Unità speciali della Guardia nazionale russa lavorano sulla scena dell'attacco alla ricerca dei responsabili dell'attentato.  La rivendicazione arriva dopo le dichiarazioni rilasciate da figure di primissimo piano in Russia. Il presidente Vladimir Putin, subito informato, si esprime attraverso le parole del portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov: "Il presidente -dice Peskov – viene costantemente informato da tutti i servizi competenti di quanto sta accadendo e delle misure che sono state adottate. Il presidente ha già dato tutte le istruzioni necessarie". Più esplicite le parole di Dmitri Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza. La Russia risponderà ''alla morte con la morte''. E ''se verrà accertato che ci sono i terroristi del regime di Kiev'' dietro all'attacco al Crocus City Hall di Mosca, ''è impossibile rispondere in modo diverso'', dice puntando il dito contro Kiev. ''I terroristi comprendono solo il terrore come ritorsione'', afferma l'ex presidente russo. Sulla stessa linea, le parole di Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri: "Come hanno detto i responsabili dei servizi, tutte le persone coinvolte saranno identificate dai servizi speciali", scrive su Telegram. Il riferimento dichiarato è alla posizione espressa dagli Stati Uniti, che non individuano elementi riconducibili alla responsabilità ucraina. "Ci sono reazioni a ciò che è accaduto al Crocus che sollevano più interrogativi. Questo riguarda certamente i commenti di Washington, che ha affermato di non aver visto segni di un coinvolgimento degli ucraini nell'attacco terroristico", incalza Zakharova. "Cosa spinga i funzionari di Washington a trarre conclusioni nel bel mezzo della tragedia sul mancato coinvolgimento di qualcuno è una bella domanda", afferma Zakharova. "Se gli Stati Uniti o qualsiasi altro paese hanno prove affidabili a questo proposito, dovrebbero immediatamente condividerle con la parte russa. Se non ci sono tali prove, allora né la Casa Bianca né nessun altro è in grado di postulare l'innocenza di qualcuno".  ''L'Ucraina non ha nulla a che vedere con l'attacco terroristico alla Crocus'' City Hall a Mosca, dice il Consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak. 
L'intelligence militare ucraina si spinge oltre, affermando che l'attacco sarebbe una provocazione organizzata dal regime di Putin, che la comunità internazionale aveva anticipato. "Questa è una consapevole provocazione dei servizi speciali di Putin per la quale eravamo stati avvertiti dalla comunità internazionale. Il tiranno del Cremlino ha cominciato così la sua carriera e ora vuole concluderla nello stesso modo: commettendo crimini verso i suoi cittadini", dice Andrii Yusov, rappresentante dell'intelligence militare ucraina, a Ukrainska Pravda. Yusov si riferisce all'allerta per possibili attentati diramata due settimane fa dall'ambasciata americana a Mosca.      —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Se l’Ai fa l’oculista, ‘batte i medici sui disturbi degli occhi’

(Adnkronos) - L'intelligenza artificiale passa l'esame da oculista. Nell'inquadrare un problema agli occhi, stilando una diagnosi e prospettando possibili...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.