17.5 C
Los Angeles
sabato, Giugno 22, 2024

Riforme, Renzi: “Un consiglio a Meloni, se perde referendum vada a casa”
R

La striscia

(Adnkronos) – "Un consiglio alla Meloni sul referendum da un esperto della materia. Se Giorgia Meloni perderà il referendum costituzionale dovrà andare a casa. Comunque". Lo scrive su X il leader di Iv ed ex premier Matteo Renzi.  "Lei sembra confusa. Ieri dice: o la va o la spacca. Oggi dice: se perdo non mi dimetto, chissenefrega. Non è così, cara Presidente", rimarca Renzi. "I Referendum su progetti proposti dal Governo portano comunque alle dimissioni del primo ministro, in tutto il mondo. Che il premier voglia o no", osserva Renzi, che aggiunge: "Anche David Cameron nel 2016 disse che non si sarebbe dimesso in caso di sconfitta ma fu costretto a lasciare Downing Street appena furono ufficiali i dati della Brexit. Il mio consiglio alla Meloni è semplice: anziché preoccuparsi per la sconfitta, preoccupati di cambiare la riforma Casellati. Così non funziona. Non va". Se Meloni "insiste su questa riforma che non sta in piedi e va al referendum, lo perde. E se lo perde – dice ancora Renzi – va a casa. Potrà andare a casa come ha fatto Renzi o potrà andare a casa come ha fatto Cameron. Ma comunque andrà a casa. Perché quando un Governo perde un referendum, diventa una sfiducia politica del Paese al Governo. E politicamente parlando non basta avere la fiducia del Parlamento". Riprendendo le parole di Meloni, il leader di Italia Viva conclude: "O la va o la spacca? La spacca, Giorgia, la spacca". —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Figli in vacanza, cosa portare? Ecco la valigia a misura di bimbo

(Adnkronos) - Finita la scuola, comincia il 'baby-esodo'. Con i nonni o gli zii mentre i genitori ancora lavorano,...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.