16.7 C
Los Angeles
domenica, Giugno 16, 2024

Povertà, Bova (Ipsos): “Percezione italiani sovrastima fenomeno”
P

La striscia

(Adnkronos) – “Emerge dai nostri dati che il tema della povertà in generale, ma anche della povertà di igiene, nel percepito degli italiani sono molto sovrastimati. Rispetto al dato reale che è di circa un 10% delle famiglie che sono in questa condizione, un italiano su due pensa che ci siano molte più famiglie in questa condizione”. Parole di Flora Bova, direttore di ricerca Ipsos, l’Istituto che ha condotto un’indagine sul sentiment degli italiani rispetto ai temi di povertà, povertà di igiene e al futuro economico del Paese.  I dati della ricerca sono stati presentati durante la conferenza stampa organizzata a Milano da Dixan, storica marca della multinazionale Henkel e dall’organizzazione umanitaria Cesvi, ‘Oltre la superficie: Analisi e proposte per combattere la Povertà di igiene’. Dall’indagine emerge che il percepito degli italiani rispetto alle famiglie in condizioni di povertà tocca punte che vanno dall’11 a ben oltre il 30%. Questa visione è ulteriormente peggiorativa considerato che oltre 7 rispondenti su 10 riportano una visione pessimistica del futuro. Ed è proprio il pessimismo ad accompagnare la sovrastima: “È un po’ un riflesso di quella condizione di pessimismo che c'è nel Paese sulla propria condizione economica e sulle direzione in cui sta andando il Paese stesso che si riflette in questa sovrastima della percezione della povertà in Italia”, conclude Bova. —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Trooping the colour, Iannelli (Favo): “Da Kate messaggio potente di normalità e speranza”

(Adnkronos) - Kate Middleton, alla sua prima apparizione pubblica dopo la diagnosi di tumore, "ci restituisce un messaggio potente,...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.