Pontida: nel discorso di Salvini entrano (troppo poco) l’ambiente e gli animali
P

I più letti

Congo, viaggiavano per il programma di assistenza alimentare nelle scuole: uccisi l’ambasciatore e due uomini del convoglio

Intorno alle 10 di questa mattina, nei pressi di Goma (Nord Kivu) in Congo, un tentativo di sequestro ai...

Xtribe, l’e-commerce di “quartiere”: compra, vendi, baratta e affitta a pochi passi da casa

Nasce a Pesaro Xtribe, l’app che ha l’obiettivo di far riscoprire al cliente i negozi di vicinato, accompagnandolo dall'online all'offline, con...

La ricetta del WWF per rigenerare l’Italia in 10 anni: connessione, ripristino, protezione e rewild

Abbiamo 10 anni per ricomporre il grande mosaico naturale italiano che, una volta ricostruito, manterrà in sicurezza il nostro...

“In Italia più di 60 milioni di persone è difficile farcele stare. La difesa dell’ambiente vuol dire difendere le nostre montagne, i nostri laghi, i nostri fiumi, i nostri mari, vuol dire smetterla con quelle burocrazie e quelle sovrintendenze che non ti fanno muovere un legnetto, non ti fanno potare l’alberello”: così Matteo Salvini, dal palco di Pontida sul quale si sta svolgendo l’annuale festa della Lega, introduce l’ambiente nel proprio discorso. Dura poco, ma l’ambiente c’è: “Ma lasciate che la gente di montagna e del mare facciano quello che hanno sempre fatto e che non vengano ostacolati da una scrivania di Milano o di Roma che una montagna o un fiume non l’hanno mai visto”. Poi parla di animali, tirando in ballo il mondo venatorio: “Non c’è bisogno di diritti solo per gli essere umani: lavoreremo anche per punire chi maltratta gli animali. Lo dico all’inizio di un’estate che non deve essere più la stagione dell’abbandono. Non è possibile, la vita non è un gioco. Si devono chiarire i fenomeni di sinistra che parlano di tutela dell’ambiente e di benessere degli animali e poi permettono degli obbrobri come la macellazione islamica, che sgozza gli animali facendoli soffrire come non dovrebbero mai soffrire. Rompono le scatole ai cacciatori che tutelano l’ambiente e vanno a permettere agli islamici di fare i loro comodi nei macelli abusivi che ci sono in giro per l’Italia. Giù le mani dalle tradizioni, dalla nostra storia. Anche perché se non ci fossero nei nostri boschi chi i nostri animali li salva e li cura, sarebbe un problema per tutti”.

Le ultime

Green jobs, la Sapienza è in cerca di giovani provenienti dalle isole (e disposti a viaggiare)

Sono riaperte le iscrizioni di giovani NEETs (dall'inglese Not engaged in Education, Employment or Training), provenienti dalle piccole e...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.