Giornata Mondiale dell’Acqua, provochiamo danni dalla sorgente al mare

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

I più letti

Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

Il 22 marzo è la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 e giunta dunque al 27esimo anno di celebrazioni. Sappiamo che quella idrica è una risorsa finita e non infinita, ma abbiamo iniziato a dedicarle attenzione solo negli ultimi anni, impauriti dai danni che l’impatto umano sta avendo sull’ecosistema naturale.
Oggi è il Club Alpino Italiano a centrare il dibattito proprio sulla gestione degli ecosistemi ad opera dell’uomo, la quale si riflette direttamente sullo stato di salute di tutti i bacini idrici: “Il ciclo dell’acqua – spiega il Presidente della commissione centrale tutela ambiente montano del CAI Filippo Di Donato – è una risorsa della natura indispensabile alla vita, un processo biofisico nel quale montagna e mare svolgono una funzione determinante e il cui funzionamento va compreso e gestito in modo sostenibile. Ma sia l’acqua dolce sia l’acqua salata risultano oggi inquinate o a grave rischio di inquinamento, perchè il mancato accesso all’acqua è determinato sempre di più dal degrado ambientale, dai cambiamenti climatici e dall’accaparramento di risorse naturali”.

Non solo e non tanto una questione di natura economica dunque, che sbarrerebbe l’accesso alle fonti e impedirebbe i processi di potabilità dell’acqua: è un problema di gestione del territorio e di mantenimento degli ecosistemi da parte dell’uomo.
“L’acqua – prosegue Di Donato – sgorga pura dalle sorgenti di montagna ma viene progressivamente contaminata da reflui e scarti industriali o da altre attività dell’uomo”. Ed è il caso del Fiume Sangro, con il dibattito sul depuratore di Pescasseroli, e il Fiume Pescara, con la discarica di Bussi Officine sulle Gole di Popoli. “Sia le acque di superficie che quelle sotterranee sono a rischio. Il Gran Sasso d’Italia celava e proteggeva un immenso bacino acquifero che continua a dissetare 700.000 persone distribuite sulle tre province di Teramo, L’Aquila e Pescara, oggi reso vulnerabile dalla realizzazione al suo interno di un doppio tunnel autostradale di 10 km e di un laboratorio di fisica nucleare composto da tre grandi caverne. Ci sono poi le acque sotterranee delle Alpi Apuane, in Toscana, esposte all’inquinamento dalle cave che stanno distruggendo irreversibilmente quelle montagne irripetibili, affacciate sul Tirreno”.
Ma l’inquinamento dei corsi non è l’unico problema in capo alle attività umane, c’è anche quello legato alla costruzione di infrastrutture in aree naturali a scopi energetici: “Non possiamo assistere inermi al saccheggio dei corsi d’acqua in quota – prosegue Di Donato – con le montagne disseminate di piccoli impianti idroelettrici frutto di una politica degli incentivi che induce a drenare l’impossibile, con opere impattanti da subito e destinate a diventare nel tempo relitti”.
Anche per l’acqua dunque, si verifica dunque quello che già sapevamo essere in atto da tempo: un sistematico assalto agli equilibri naturali, che l’uomo ritiene di poter forzare fino al punto di gestirli totalmente e ottimizzarne il profitto. Poi, si accorge che è troppo tardi.

Per far comprendere la circolarità di questi fenomeni e l’importanza della tutela degli ecosistemi, anche quest’anno il Club alpino italiano organizza eventi in varie regioni, in concomitanza con la Giornata Mondiale del 22 marzo


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Birra artigianale e liquore aromatizzati ai fiori di canapa: lo studio dell’Università di Pisa

Sono il risultato di una ricerca dell’Università di Pisa realizzata con tre realtà del territorio; lo studio...

Morìa di pesci nel Tevere tra Castel Sant’Angelo e Ponte Milvio, chiesto l’intervento per salute pubblica

L'Oipa ha chiesto l'immediato intervento dela istituzioni per accertare le cause e mettere in sicurezza acque e sponde Strage di pesci a Roma. Centinaia di...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Strategia Nazionale Forestale, arrivate al Mipaaf 286 proposte di emendamenti

E’ terminata ieri la consultazione pubblica indetta dal Mipaaf per raccogliere proposte di miglioramento della bozza di Strategia nazionale forestale, documento...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.