Covid, Crisanti: “Vicini a immunità di gregge, equilibrio raggiunto”
C

La striscia

Energia, Letizia Magaldi (Mge): “Serve patto su paesaggio e quadra tra tutti gli attori”

(Adnkronos) - "L'Italia è un'eccellenza manifatturiera e nel food. L'emergenza che stiamo vivendo devi aiutarci a valorizzare le...

Svelati a Bolzano i riti funerari dell’Età del Bronzo

(Adnkronos) - Scoperto a Bolzano un crematorio risalente all’età del Bronzo (1150-950 ca a.C.). Lo hanno individuato gli...

Sneakers, che tesoro!

(Adnkronos) - Fa proseliti anche in Italia la passione sfrenata per un capo d'abbigliamento solo apparentemente casual: le...

Ikea Italia con AzzeroCO2 riqualifica 3.000mq del Gianicolo

(Adnkronos) - Un progetto di riqualificazione ambientale e paesaggistica di un’area del Colle del Gianicolo di Roma con...

Coripet approva bilancio 2021, turnover di 114 mln di euro

(Adnkronos) - Cresce la quota di mercato, così come i ricavi ed i contributi per i maggiori oneri...

(Adnkronos) – “Siamo molto vicini all’immunità di gregge e lo dice l’andamento dell’epidemia perché da mesi, nonostante le misure di restrizione siano estremamente blande, il numero dei casi è più o meno costante, con delle piccole oscillazioni quotidiane. Chiaramente il numero dei casi è la punta di un iceberg, il numero dei decessi è costante, inaccettabile a mio avviso, ma questo significa che in qualche modo la situazione di equilibrio è stata raggiunta”. Così Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di Microbiologia molecolare all’Università di Padova, ospite di ‘Radio anch’io’ su Rai Radio1.  

Alla domanda di chiarimento sulla ‘inaccettabilità del numero dei morti’, Crisanti risponde che a suo giudizio “bisogna cambiare paradigma, passando da una strategia che limitava la trasmissione del virus a una strategia che protegge i fragili, senza limitarne la libertà”. Un esempio in proposito è “la legge, sbagliatissima, che ha fatto tornare al lavoro i soggetti fragili, il che significa, in una situazione di alta trasmissione del virus, esporli a condizioni di rischio. E – ricorda infine Crisanti – i fragili sono tutte le persone sopra gli 80 anni e quelle che hanno una o più condizioni patologiche che aggravano il decorso del Covid, quindi diabete, ipertensione e obesità, i pazienti oncologici, quelli trapiantati e se li sommiamo tutti non sono pochi. Tutti vanno protetti, perché è inaccettabile avere 150 morti al giorno, che sono 50mila all’anno, e ciò ci riporta al 1800 quando le malattie infettive erano la maggiore causa di morte”.  

FLASH

Le ultime

Balenottere e capodogli in collisione con le navi: “Limiti di velocità per legge”

Per le balenottere e i capodogli nel Mediterraneo nord-occidentale le collisioni con le navi, note come "ship strikes", sono...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.