12.5 C
Los Angeles
lunedì, Marzo 4, 2024

Ucraina, Salvini: “Stop a invio armi, l’ho detto a Draghi”
U

La striscia

(Adnkronos) – E’ durato circa un’ora l’incontro a Palazzo Chigi tra il premier Mario Draghi e il leader della Lega, Matteo Salvini. Ha chiesto a Draghi di fermare un terzo invio di armi all’Ucraina? “Ho parlato di cessate il fuoco e di disarmo, dunque questi passano da uno stop di invio di armi, perché parlare di disarmo inviando armi…” dice il leader della Lega rispondendo alle domande dei cronisti lasciando Palazzo Chigi.  

A chi gli domanda cosa abbia risposto Draghi, “non riporto la parola di altri – risponde con nettezza – diciamo che due mesi e mezzo fa, quando votammo l’invio di tutti i tipi di aiuti all’Ucraina, c’erano certe condizioni, a quasi tre mesi dall’inizio del conflitto e decine di migliaia di morti io sono convinto che ulteriori invii di armi allontanino la pace”. A chi gli chiede cosa farà la Lega in caso di voto su un nuovo invio, “arrivano comunicazione – risponde – non sono previsti voti”. 

Con il premier Draghi si è parlato “finalmente di pace, dopo tre mesi di guerra riuscire a parlare concretamente di pace, di cessate il fuoco, di salvare vite e anche posti di lavoro è qualcosa su cui non dormo la notte – dice Salvini – Direi che rispetto ai toni bellicisti che c’erano da quasi tutti fino a pochi giorni fa, il fatto che il presidente Draghi sia andato a Washington a portare parole e progetti di pace, l’idea di un’Europa nuova – Italia, Francia e Germania – che metta al centro la pace e il disarmo e la salvaguardia dei posti di lavoro in patria è qualcosa su cui sto lavorando da più di due mesi e che inizia a vedere i primi frutti”. 

“Abbiamo parlato” di “come arrivare a un cessate il fuoco il prima possibile con un’Italia protagonista – prosegue il segretario della Lega – Lasciamo ad altri venti e toni di guerra e noi facciamo l’Italia perché l’Italia è da sempre potenza di equilibrio, ovviamente alleata delle potenze e democrazie occidentali con equilibrio, prudenza, buonsenso e misura, questo dai tempi di Prodi, Berlusconi, Craxi, Aldo Moro. Quindi che l’Italia sia promotrice di un processo di pace e di cessate il fuoco mi rende orgoglioso”.  

LA NOTA DI PALAZZO CHIGI – Nella nota di Palazzo Chigi si legge che il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha incontrato oggi pomeriggio, a Palazzo Chigi, il segretario della Lega, Matteo Salvini. Il colloquio si è incentrato sulla recente visita negli Stati Uniti, nel corso della quale è stato riaffermato l’impegno dell’Italia per la pace attraverso il sostegno all’Ucraina, l’imposizione di sanzioni alla Russia, la rinnovata richiesta di un cessate il fuoco e dell’avvio di negoziati credibili. 

Nel corso dell’incontro si è parlato anche delle conseguenze economiche e umanitarie del conflitto in corso, con particolare riferimento alla necessità di prevenire una crisi alimentare sul larga scala e di proseguire lungo la strada dell’accoglienza ai profughi ucraini.  

Sul fronte dell’energia, è stata condivisa l’importanza di un percorso che affianchi diversificazione delle fonti di approvvigionamento e investimenti sulle rinnovabili, si legge nella nota. 

FLASH

Le ultime

Concerto con musicisti affetti da sordità, a Torino la musica senza barriere

(Adnkronos) - Un concerto che spazia dalla musica classica al folk rock, dalla danza ai balli latini, arricchito anche...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.