16.2 C
Los Angeles
lunedì, Marzo 4, 2024

Razzante: “Dare perimetro all’intelligenza artificiale”
R

La striscia

(Adnkronos) – "I reati informatici non bastano più. Essendo le mafie organizzate ormai da 20 anni a navigare in internet e compiere i loro reati su internet noi abbiamo il problema dell'attribuzione di questi reati al singolo, perché non lo trovi perché spesso è delocalizzato all'estero, per cui abbiamo il problema della punibilità delle piattaforme, degli attori, che sono dietro le piattaforme e dei gestori. Ed è quello di cui ci siamo occupando nel Comitato che disegnerà la strategia italiana, per espressa previsione del premier Meloni, cioè di creare una intelligenza artificiale a servizio anche del contrasto alle mafie". Lo ha detto all'Adnkronos Ranieri Razzante, componente del Comitato per la strategia sull'IA della Presidenza del Consiglio, a margine del convegno su 'Le mafie nell'era digitale' organizzato a Palermo dalla Fondazione Magna Grecia.  "L'intelligenza artificiale potrebbe essere utile come parimenti dannosa – prosegue Razzante – Noi la vogliamo sfruttare in chiave di utilità, evidentemente. I danni che può produrre sono enormi e lo dico da studioso della materia. Quindi, se non si da un perimetro all'Intelligenza artificiale e gliela deve dare l'intelligenza umana, che è superiore all'IA, tende a sfuggire. E quando si sfugge alle regole, le mafie sono pronte". il comitato dovrà presentare i lavori il 31 gennaio del 2024 "e noi stiamo lavorando alacremente e devo dire che i colleghi sono tutti super tecnici, non si poteva scegliere meglio". —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Concerto con musicisti affetti da sordità, a Torino la musica senza barriere

(Adnkronos) - Un concerto che spazia dalla musica classica al folk rock, dalla danza ai balli latini, arricchito anche...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.