21.7 C
Los Angeles
venerdì, Aprile 19, 2024

Da traumi a ictus, luci e ombre per risposte Regioni a cittadini
D

La striscia

(Adnkronos) – Come rispondono le Regioni alle richieste dei cittadini rispetto a eventi come ictus, traumi, infarti ed emergenze-urgenze (pronto soccorso) che devono essere gestiti in maniera efficace e in tempi brevi? A questa domanda ha risposto la terza indagine nazionale sullo stato di attuazione delle reti tempo-dipendenti dell'Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), presentata oggi a Roma. Un'indagine condotta nel 2023, analizzando i risultati del monitoraggio rispetto all'anno 2022.  Il primo dato riguarda la rete cardiologia per l'emergenza, che "soffre in quelle zone più interne e meno servite dove la tempistica dei 90 minuti per la Ptca (angioplastica coronarica) e la relativa ricaduta in termini di mortalità sono più rilevanti: criticità" emergono "per Calabria e Abruzzo", ha spiegato la responsabile del report Manuela Tamburo De Bella, responsabile Uos Reti cliniche e monitoraggio Dm 70/2015 dell'Agenas. Per la rete ictus, "ci sono variazioni significative tra le varie Regioni e al loro interno, con criticità soprattutto in Sardegna e Abruzzo". Per la rete trauma, "Campania, Emilia Romagna e Sardegna possono fare di più", ha precisato Tamburo De Bella. Per la rete emergenza-urgenza, "Valle d'Aosta e Campania presentano un vulnus". Nella Terza indagine nazionale sullo stato di attuazione delle reti tempo – dipendenti, l'Agenas individua anche alcuni approfondimenti da fare sulle reti. Rete cardiologica dell’emergenza: "approfondire e diffondere l’utilizzo di indicatori di percorso clinico; implementare l'indicatore (Ldl) per ottimizzare la terapia alla dimissione e la valutazione multidimenzionale del paziente ad alto rischio residuo; implementare l’avvio a programmi riabilitativi utilizzando percorsi definiti all’interno delle strutture del Dm 77", si legge nell'indagine.  Per per la rete ictus, "individuare indicatori di processo e 'outcome' delle fasi di transizione per disegnare azioni di miglioramento e mettere in atto strategie di presa in carico dei soggetti con ictus, incentrate sui bisogni e caratteristiche individuali (personalizzazione delle cure), – sottolinea il documento – modello che può trovare il giusto percorso nell’assetto territoriale definito dal Dm 77 del 2022; traduzione delle evidenze cliniche ('evidence based medicine') in modelli organizzativi innovativi, flessibili e sostenibili per valorizzare le competenze del singolo operatore in un team multiprofessionale in una ottica di rete diffusa". I "futuri utili approfondimenti per la rete trauma: identificare indicatori più specifici e superare le problematiche legate alle fonti dei dati e alle codifiche. Verifica e ottimizzazione dei flussi di dati (l’inadeguatezza/incompletezza del flusso Emur; inserimento della Sepsi nelle reti tempo dipendenti (alla luce della letteratura scientifica e dei dati di mortalità); standard organizzativi e tecnologici (con particolare riferimento agli organici in rapporto alla nuova complessità) – conclude il report – reclutamento del personale (il tema di come valorizzare i professionisti, aumentare l’attrattività) e formazione (specializzandi, non specialisti)".  —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Peste suina: Canada blocca export prosciutti Parma, imprenditori preoccupati: “Urgente recintare zone”

(Adnkronos) - "C'è tanta, tanta preoccupazione. Da oggi il Canada è un mercato chiuso per tutti i prosciutti e...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.