25.9 C
Los Angeles
martedì, Giugno 25, 2024

Euro 2024, Francia-Polonia 1-1: gol di Mbappè e Lewandowski

(Adnkronos) - La Francia non va oltre...

Morte Vera Slepoj, si indaga per omicidio colposo

(Adnkronos) - La procura di Padova ha...

L’analista iraniana: “Attacco Israele a Rafah può scatenare guerra regionale”
L

La striscia

(Adnkronos) – L'annunciata operazione militare israeliana a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, "ha il potenziale per scatenare una guerra regionale" dal momento che "incita le opinioni pubbliche nei Paesi arabi contro i loro leader". Lo afferma in un'intervista all'Adnkronos Afifeh Abedi, ricercatrice su questioni di politica estera presso il Center for Strategic Research (Csr) di Teheran, uno dei principali think tank della Repubblica islamica, mentre si moltiplicano gli appelli internazionali al governo Netanyahu a desistere dall'avviare un attacco contro Rafah. Secondo Abedi, l'obiettivo di Israele è di "occupare Gaza e trasformare le sue strutture sociali, economiche e politiche in quelle israeliane". L'operazione prevista a Rafah fa parte degli "sforzi in corso di Israele per indebolire Hamas e garantirsi l'accesso a Gaza", spiega l'analista, secondo cui, tuttavia, l'emergere di "una nuova dimensione di crimini", come la scoperta di fosse comuni, rende "sempre più difficile la capacità di Washington di continuare a sostenere Israele". Per quanto riguarda l'Iran, precisa, le sue richieste sono sempre quelle che Israele cessi i suoi attacchi contro Gaza e Rafah, che si ritiri completamente da Gaza e che gli abitanti di Gaza ritornino nelle loro case. "Su questa base continuerà a tenere consultazioni regionali e internazionali". "Il trattamento violento degli agenti di polizia americani nei confronti di studenti e professori consapevoli dei crimini di Israele, combinato con il pieno sostegno dell'Amministrazione Biden alla guerra a Gaza, indebolirà senza dubbio la sua posizione alle elezioni presidenziali americane. L'Amministrazione Biden ha mostrato una significativa debolezza anche nell'affrontare altre questioni mondiali", afferma ancora la ricercatrice commentando le proteste contro Israele nei campus universitari americani. "Il numero crescente di vittime dei crimini israeliani a Gaza, almeno due terzi delle quali sono donne e bambini, ha allarmato la comunità internazionale. Tuttavia, Washington continua a fornire pieno sostegno politico e militare a Israele. L'America rifiuta di accettare una soluzione politica per un cessate il fuoco a Gaza, cosa che fa arrabbiare ogni coscienza sveglia", prosegue la ricercatrice, che alle ultime elezioni parlamentari in Iran si è candidata con la lista 'Sade Mellat', sostenuta dai riformisti moderati.  Da un punto di vista politico "le relazioni tra Iran e Italia sono state più stabili di quelle tra Iran e altri Paesi dell'Unione Europea", spiega quindi Afifeh Abedi, sottolineando che la Repubblica islamica "vuole rafforzare i rapporti con l'Italia". Il ministro degli Esteri iraniano, Hossein Amir-Abdollahian ha dichiarato, durante un recente incontro con la nuova ambasciatrice italiana in Iran, Paola Amadei che spera di aprire "un nuovo capitolo nello sviluppo delle relazioni bilaterali", ricorda Abedi, evidenziando come "le sanzioni degli Stati Uniti e dell'Ue contro l'Iran abbiano un impatto sulle relazioni economiche bilaterali". "Credo che l'hijab sia una questione consuetudinaria, culturale e religiosa che non possa essere imposta alle persone", dice quindi la ricercatrice mentre diverse fonti denunciano un'ulteriore stretta della cosiddetta 'polizia morale' (Gasht-e Ershad) sull'obbligo di indossare il velo in pubblico. Stretta che è sfociata in una campagna sui social con l'hashtag 'Guerra contro le donne'. Ricordando che il ministero dell'Interno ha il compito di far rispettare l'obbligo e confermando che gli agenti della Gasht-e Ershad hanno recentemente ripreso le operazioni, la ricercatrice – che alle ultime elezioni parlamentari in Iran si è candidata con la lista 'Sade Mellat', sostenuta dai riformisti moderati – ha sottolineato che il procuratore generale dell'Iran ha dichiarato che non perseguirà coloro che violano la legge sull'hijab. "Tuttavia, l'attuazione della legge sull'hijab è ancora monitorata" su pressione della "parte tradizionale e religiosa della società", sottolinea Abedi, che dice di essersi candidata per sostenere una maggiore libertà sociale per le donne, la riforma delle leggi a favore delle donne e l'aumento della percentuale di donne al potere. "L'ingerenza straniera su questa questione sociale ha aumentato l'importanza dell'hijab in Iran – prosegue – Gli oppositori dell'Iran, così come alcune istituzioni americane e occidentali, hanno effettuato investimenti finanziari per rimuovere l'hijab dall'Iran. Usano media e persone speciali per fare pubblicità contro l'hijab. Secondo i social trend in Iran, c'è una divisione sull'hijab. Tuttavia, il problema principale è che si tratta di una questione sociale e i rappresentanti delle varie classi sociali dovrebbero lavorare per promulgare leggi che tutelino gli interessi di tutte le donne".  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

Caldo ma non troppo, -25% chiamate al 118 in ultime 3 settimane

(Adnkronos) - Se la prima ondata di calore ha appena arroventato parte dell'Italia per qualche giorno, in gran parte...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.