Svernano i pipistrelli ai Castelli Romani: chiuso l’accesso all’Emissario di Nemi
S

I più letti

Covid, l’emergenza costa alle stalle italiane 1,7 miliardi: Coldiretti scrive a Conte

L’emergenza Covid è costata sino ad oggi alle stalle italiane 1,7 miliardi di euro tra il blocco delle vendite,...

Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180,...

Slow Food lancia “On My Plate”: la prima challenge internazionale sul cibo buono, pulito e giusto

È appena stata lanciata On My Plate, la campagna con cui Slow Food si pone alla guida di oltre tremila...

Il Parco regionale dei Castelli Romani con ordinanza n. 38 del 24/10/2018, dispone la chiusura dell’Emissario di Nemi, dal 1° novembre 2018 al 31 marzo 2019, essendo sito di fondamentale importanza per lo svernamento dei pipistrelli.
I chirotteri europei sono minacciati di estinzione e fra le cause principali, vi è la distruzione dei rifugi e il disturbo arrecato all’interno degli stessi nelle fasi di letargo invernale. L’Italia dal 2005, ha aderito all’accordo EUROBATS o Bat Agreement, per la conservazione delle popolazioni di pipistrelli in Europa. Le indagini condotte dal Parco hanno accertato che il sito “emissario del lago di Nemi”, è quello di maggiore interesse per quanto riguarda la nostra area naturale protetta, per i chirotteri con la presenza di 8 specie, pari a circa il 35% di quelle rilevate nella provincia di Roma, considerate vulnerabili in base alla Red list dell’IUCN in Italia e dalla Direttiva Habitat 92/43 CEE (allegati II e IV). Secondo le indicazioni emerse dal nuovo studio effettuato dal dr. Vincenzo Ferri – La Chirotterofauna del Parco Regionale dei Castelli Romani: Ricerche 2018 – in collaborazione con il personale del Parco è emerso che tale chiusura è fondamentale per il mantenimento dell’habitat di tali specie. L’ordinanza vieta l’accesso all’emissario del lago di Nemi, fatta eccezione per le attività di studio e ricerca svolte dall’Ente Parco o che abbiano ottenuto il nulla osta da parte del Parco. È inoltre vietato, disturbare i chirotteri con emissioni sonore ad alto volume nelle vicinanze degli accessi. Il mancato rispetto di questa disposizione prevede una multa da € 25,00 a € 1.032,00. Il Parco dei Castelli Romani, continuerà a monitorare l’efficacia di tali disposizioni al fine di estenderle ad altri siti analoghi, di particolare interesse per la tutela dei chirotteri e provvederà insieme alle forze dell’ordine attive sul territorio, a controllare e far rispettare le disposizioni emesse.

Le ultime

Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180,...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.