Lupi, Piemonte Parchi: “La convivenza è possibile”
L

I più letti

Bombe nucleari USA: per l’80% degli italiani devono essere ritirate

Il verdetto degli italiani sulle armi atomiche è inequivocabile: ritirare le bombe atomiche americane dal territorio...

Aree marine protette, Legambiente: “Forza Italia ha le amnesie”

Legambiente Arcipelago Toscano  risponde con forza alle dichiarazioni del Responsabile Dipartimento Politiche Insulari Forza Italia Toscana,...

“Aria di San Daniele”, l’aperitivo che supporta i ristoratori italiani

Il Consorzio del Prosciutto di San Daniele lancia un nuovo progetto solidale a sostegno del comparto Horeca. Nasce così Aria...

A cura di Piemonte Parchi.

Certamente, molti sono coloro che si rallegrano per il ritorno del lupo in diverse aree del Piemonte, ma non vale proprio tutti, a partire dagli allevatori. Le iniziative di sensibilizzazione – su tutto il territorio piemontese – non mancano oggi, come in passato: sono partiti degli incontri destinati alla popolazione locale, generalmente organizzati dagli Enti di gestione delle Aree protette dove il lupo è presente, finalizzati a fornire una corretta informazione e conoscenza della biologia e del comportamento di questa importante specie che costringe tutti a modificare le proprie abitudini, in primis i pastori che dovranno dotarsi di metodi adeguati di protezione (recinti elettrificati, pascolo sorvegliato, cani da guardanìa) per evitare possibili attacchi. Lo ha spiegato bene Bruno Viola, pastore del Trentino e presidente dell’associazione per la Difesa del patrimonio zootecnico dai grandi predatori – intervenuto lo scorso settembre al convegno ‘Tra cane e lupo: problematiche, sicurezza e prevenzione’ – organizzato dai Parchi delle Alpi Cozie e affermando che ‘il lupo non sceglie le pecore, ma il pastore’. È dello stesso avviso Luca Giunti, guardiaparco delle Aree protette delle Alpi Cozie, secondo il quale non c’è alcun rischio a frequentare i soliti boschi – i lupi non vanno a caccia di esseri umani e sono già sazi di prede selvatiche che trovano in abbondanza in natura – purché tutti siano consapevoli che la natura, quella vera, è selvaggia e non è esattamente come quella disegnata da Walt Disney (interessante, a tale proposito il suo contributo ‘Se il lupo fosse vegetariano’ nello nostro numero speciale ‘Occhio, il lupo è tornato’).

Per questo è opportuno ricordare che il lupo è un animale selvatico, nei confronti del quale provare rispetto e un reverenziale ‘timore’, può risultare perfino salutare ai fini della sopravvivenza della specie, e in nome di una convivenza possibile, tra uomini e lupi. Risulta così fondamentale la cura della comunicazione, quella destinata alla popolazione che si trova a doverci convivere con il predatore. Da qui, la disapprovazione per quella stampa che urla al terrore – senza giustificazione e motivo – per il ritorno del lupo, al pari di quei messaggi che lo dipingono un animale che non è. Un esempio? Da qualche tempo, tra i manifesti affissi nella nostra capitale, campeggiano quelli dedicati alla campagna pubblicitaria ‘Nessuno tocchi il lupo’, promossa da Animal Aid Italia e dall’assessorato alla Sostenibilità ambientale della Città di Roma. Indubbiamente nobile l’intento, ovvero ‘sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni a un maggior rispetto nei confronti di un animale prezioso della nostra fauna autoctona’ ma forse discutibile l’immagine della campagna (Voi cosa ne pensate? Ne discutiamo sulla nostra pagina Facebook): due lupi cecoslovacchi, fotografati in un ambiente asettico e innaturale, quasi tenuti al ‘guinzaglio’ da essere umani.

Un’immagine che ha destato qualche perplessità sui Social, tra persone che hanno a cuore la sorte del grande predatore, al punto da rimuovere il post che ha generato la discussione, etichettando tutti i commenti più severi – che la definivano diseducativa – come radical chic. Che convinca o meno la campagna ‘pro-lupo’ promossa nella città eterna, è un peccato sospendere il dibattito di fronte a modalità diverse di comunicare il grande predatore: un aspetto sempre complesso, delicato, di sottile equilibrio e, proprio per questo, fondamentale.
Il progetto Life WolfAlps lo ha insegnato a tutti noi: coordinato dall’Ente di gestione delle Aree protette delle Alpi Marittime e conclusosi lo scorso maggio dopo 5 anni di attività, si sono compiute azioni importanti per la conservazione della popolazione alpina di lupo e per assicurare una convivenza stabile tra l’animale e le attività economiche tradizionali, ed è anche per questo che – orgogliosamente – sottolineiamo che oggi LIfe WolfAlps entra nella rosa dei 15 finalisti del LIFE Awards 2019 promosso dalla Commissione europea.

Le ultime

Pesticidi nelle acque, i Medici per l’Ambiente chiedono i dati il prima possibile

L’Associazione Medici per l’Ambiente-ISDE Italia ha ufficialmente, e da diverso tempo, chiesto all’ Ispra- Istituto superiore per...

Neanderthal, studi in corso sull’Uomo di Altamura

La ricerca scientifica punta nuovamente i riflettori sull’Uomo di Altamura, il più completo scheletro di Neanderthal mai scoperto e uno fra...

“Agriturismi a KO a causa dei comuni blindati”

La decisione di blindare gli italiani nel proprio comune nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno mette ko le strutture...

“Aria di San Daniele”, l’aperitivo che supporta i ristoratori italiani

Il Consorzio del Prosciutto di San Daniele lancia un nuovo progetto solidale a sostegno del comparto Horeca. Nasce così Aria di San Daniele @Home, l’iniziativa...

Bombe nucleari USA: per l’80% degli italiani devono essere ritirate

Il verdetto degli italiani sulle armi atomiche è inequivocabile: ritirare le bombe atomiche americane dal territorio italiano e impiegare i soldi...

Vongole, OK UE alla riduzione della taglia minima pescabile

Arriva il via libera dell’europarlamento alla riduzione della taglia minima delle vongole pescabili in Italia. "Questo provvedimento salva la flotta nazionale...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.