18.4 C
Los Angeles
mercoledì, Aprile 24, 2024

Assalto Cgil, Cassazione: Appello bis per nove imputati

(Adnkronos) - Appello bis per nove imputati...

Povertà energetica, in aumento tra le fasce medie
P

La striscia

(Adnkronos) – In aumento la povertà energetica delle famiglie tra le fasce medie, in calo tra le famiglie delle fasce più deboli. E' quanto evidenzia lo studio 'Evoluzione della povertà energetica in Italia', realizzato dall’Osservatorio Italiano sulla Povertà Energetica (Oipe) e presentato in collaborazione con Fondazione Banco dell’energia, ente senza scopo di lucro che sostiene le famiglie in situazione di vulnerabilità economica e sociale, con particolare attenzione al tema della povertà energetica. Lo studio fotografa l’andamento della povertà energetica nel nostro Paese nell’anno 2022, basandosi sugli ultimi dati Istat disponibili. Secondo lo studio Oipe, tutte le famiglie hanno risentito dell’aumento dei prezzi energetici ma in modo diverso: in particolare, le famiglie vulnerabili, che hanno beneficiato di misure di sostegno e di contenimento dei prezzi, sono riuscite a subire meno gli aumenti, a differenza delle famiglie con una capacità di spesa media. In linea generale, le famiglie in povertà energetica si attestano sui 2 milioni, corrispondenti al 7,7 % del totale.  Sul fronte dei costi, si stima un aumento di 500 euro rispetto all’anno precedente che spinge la spesa annuale media per l’energia elettrica e il riscaldamento delle famiglie italiane a 1.915 euro nel 2022. Un +32%, secondo l’analisi Oipe, a fronte di prezzi al consumo che sono cresciuti del 50% e del 34,7%, rispettivamente per energia elettrica e gas. Se prendiamo in considerazione solo il riscaldamento, invece, la spesa è cresciuta del 29%, moderata anche dall’aumento generale delle temperature.  L’Oipe, inoltre, segnala un calo nel numero delle famiglie in povertà energetica nelle Isole e nel Centro, un livello stabile al Nord e una concentrazione più elevata nei piccoli centri e nelle aree suburbane. A livello regionale, la Toscana e le Marche registrano la percentuale più bassa con il 4,5%, la Calabria quella più alta, con il 22,4%. Quest’ultima è anche la regione che registra l’incremento maggiore (+5,7 punti percentuali), a fronte di una riduzione o di una sostanziale stabilità nelle altre regioni italiane.  “La riduzione della povertà energetica nel 2022 va interpretata in un contesto di ingenti sussidi concessi dal Governo e di interventi transitori su fiscalità e componenti tariffarie dei prodotti energetici. Non è una politica sostenibile nel medio termine ed è necessario che si organizzi, al più presto, una strategia di contrasto al fenomeno che si basi su analisi rigorose e su strumenti mirati per contemperare i vincoli di finanza pubblica e l’efficacia degli interventi che devono essere destinati solo alle famiglie vulnerabili", osserva Paola Valbonesi, presidente dell’Oipe e capo del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali 'Marco Fanno' dell’Università di Padova. "I dati presentati da Oipe indicano che le azioni messe in campo sia dal governo sia dagli operatori sociali negli ultimi anni hanno prodotto dei risultati incoraggianti. Tuttavia, nonostante i prezzi delle forniture energetiche si siano abbassati nel 2023, l'attenzione di istituzioni e società civile deve necessariamente rimanere alta per consolidare i risultati ottenuti – rimarca Roberto Tasca, presidente del Banco dell’energia – Come Banco dell’energia proseguiremo nel nostro impegno per contribuire a contrastare la povertà energetica, con particolare attenzione a quei contesti territoriali dove il fenomeno negli ultimi anni ha registrato numeri in costante crescita”.  —sostenibilitawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

FLASH

Le ultime

25 aprile, il pediatra: “Ecco come spiegarlo ai bambini”

(Adnkronos) - 25 aprile data importante per gli italiani. E, come tutti gli anni, al centro in questi giorni...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella tua casella di posta.