Tavolo Ilva al Mise, Legambiente: “Affrontare nodi irrisolti”
T

I più letti

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo...

In libreria un manuale per supereroi salvambiente

E' uscito nelle libere all'inizio di settembre “IO CI TENGO! Manuale per supereroi salvambiente”. La pubblicazione, che...

Come sarà l’economia circolare del futuro?

San Francesco d'Assisi è stato una delle persone più importanti del mondo religioso. Egli simboleggia un...

“Affrontare i nodi irrisolti dell’Ilva a partire dai tempi degli interventi, da una riconversione profonda e innovativa degli impianti e dalla questione delle bonifiche. Solo così si potrà dare davvero un futuro all’impianto industriale, alla città di Taranto e ai suoi cittadini”. È questo l’appello che Legambiente lancia in vista del tavolo tecnico convocato dal Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda domani a Roma, al Mise, dove parteciperanno anche il Governatore della Puglia Michele Emiliano e il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci. Un tavolo che, per l’associazione ambientalista, dovrà essere incentrato sul dialogo e un confronto costruttivo affrontando i nodi irrisolti. In particolare per Legambiente è indispensabile avviare la procedura di valutazione d’impatto sanitario sul nuovo Piano ambientale, provvedere alla bonifica immediata delle aree contaminate, discutere sull’innovazione tecnologica nel ciclo produttivo, prevedere ulteriori misure per la mitigazione del rischio sanitario e ambientale durante i wind days e definire tempi più stringenti per gli interventi previsti dalla nuova A.I.A., a partire dalla copertura dei parchi minerali e dal rifacimento delle cokerie

“Le vicende dell’Ilva – dichiara Stefano Ciafani, direttore generale di Legambiente – fino ad ora sono state caratterizzate sempre da promesse e accordi non mantenuti: è ora di invertire questa rotta e pensare davvero al bene di Taranto e a quello dei suoi cittadini garantendo il diritto alla salute, al lavoro e all’istruzione. Per questo auspichiamo che il tavolo tecnico di domani sia davvero l’occasione per un serio e proficuo confronto. Il Governo si assuma le proprie responsabilità insieme agli altri soggetti coinvolti e dia risposte chiare”.

Le ultime

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici,...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l'Ue fissa...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente “Sostenere la storica...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo sensore che permetterà di effettuare...

Cannabidiolo sostanza stupefacente? Le imprese della canapa impugnano il decreto

“Il Decreto del Ministro della Salute del 1 ottobre 2020, che ha stabilito che le “composizioni per somministrazione ad uso orale di cannabidiolo...

“C’è un mostro nella mia cucina”: l’incontro tra un bimbo e un giaguaro con la voce di Giobbe Covatta

“C’è un mostro nella mia cucina”: si chiama così il corto d’animazione diffuso oggi da Greenpeace e doppiato dall’attore Giobbe Covatta....

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.