Tavolo Ilva al Mise, Legambiente: “Affrontare nodi irrisolti”
T

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

“Affrontare i nodi irrisolti dell’Ilva a partire dai tempi degli interventi, da una riconversione profonda e innovativa degli impianti e dalla questione delle bonifiche. Solo così si potrà dare davvero un futuro all’impianto industriale, alla città di Taranto e ai suoi cittadini”. È questo l’appello che Legambiente lancia in vista del tavolo tecnico convocato dal Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda domani a Roma, al Mise, dove parteciperanno anche il Governatore della Puglia Michele Emiliano e il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci. Un tavolo che, per l’associazione ambientalista, dovrà essere incentrato sul dialogo e un confronto costruttivo affrontando i nodi irrisolti. In particolare per Legambiente è indispensabile avviare la procedura di valutazione d’impatto sanitario sul nuovo Piano ambientale, provvedere alla bonifica immediata delle aree contaminate, discutere sull’innovazione tecnologica nel ciclo produttivo, prevedere ulteriori misure per la mitigazione del rischio sanitario e ambientale durante i wind days e definire tempi più stringenti per gli interventi previsti dalla nuova A.I.A., a partire dalla copertura dei parchi minerali e dal rifacimento delle cokerie

“Le vicende dell’Ilva – dichiara Stefano Ciafani, direttore generale di Legambiente – fino ad ora sono state caratterizzate sempre da promesse e accordi non mantenuti: è ora di invertire questa rotta e pensare davvero al bene di Taranto e a quello dei suoi cittadini garantendo il diritto alla salute, al lavoro e all’istruzione. Per questo auspichiamo che il tavolo tecnico di domani sia davvero l’occasione per un serio e proficuo confronto. Il Governo si assuma le proprie responsabilità insieme agli altri soggetti coinvolti e dia risposte chiare”.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.