Raccolta differenziata e impianti per il riciclaggio: proposte per la Sicilia
R

“Come diciamo da anni - dichiara Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia - l’unica via d’uscita, è la raccolta differenziata spinta, soprattutto nelle città di Palermo, Catania, Messina e Siracusa, in gravissimo ritardo, che avrebbe come primo, immediato effetto, quello di ridurre le quantità da portare in discarica".

La striscia

Svelati a Bolzano i riti funerari dell’Età del Bronzo

(Adnkronos) - Scoperto a Bolzano un crematorio risalente all’età del Bronzo (1150-950 ca a.C.). Lo hanno individuato gli...

Sneakers, che tesoro!

(Adnkronos) - Fa proseliti anche in Italia la passione sfrenata per un capo d'abbigliamento solo apparentemente casual: le...

Ikea Italia con AzzeroCO2 riqualifica 3.000mq del Gianicolo

(Adnkronos) - Un progetto di riqualificazione ambientale e paesaggistica di un’area del Colle del Gianicolo di Roma con...

Coripet approva bilancio 2021, turnover di 114 mln di euro

(Adnkronos) - Cresce la quota di mercato, così come i ricavi ed i contributi per i maggiori oneri...

Th Resorts, strutture certificate ed energia 100% green

(Adnkronos) - Th Resorts, marchio turistico italiano nato nel 1977, certifica la sostenibilità di tutte le strutture con...
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

Raccolta differenziata porta a porta, realizzazione degli impianti per il riciclaggio, programmazione in ambito ottimale. Questi in sintesi i punti illustrati oggi dal presidente dei Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta all’Ars, sulla gestione dei rifiuti in Sicilia.

RIFIUTI IN SICILIA – “Come diciamo da anni – dichiara Zanna – l’unica via d’uscita, è la raccolta differenziata spinta, soprattutto nelle città di Palermo, Catania, Messina e Siracusa, in gravissimo ritardo, che avrebbe come primo, immediato effetto, quello di ridurre le quantità da portare in discarica. Altro nodo da risolvere in tempi brevi è la realizzazione degli impianti per un riciclo virtuoso dei rifiuti, puntando soprattutto sull’organico che rappresenta oltre il 50 per cento. Per realizzare tutto ciò, occorrono gli impianti, a partire da quelli di digestione anaerobica per produrre gas metano e compost di qualità per le campagne, favorendo al contempo gli investimenti dei privati. Altro problema che sottoponiamo al governo Musumeci, chiedendo una correzione, è la programmazione che per noi non può corrispondere alla province, ma deve rispondere a criteri di economicità. Gli ambiti vanno, quindi, ridefiniti in base alle necessità ed ai territori, e non decisi a tavolino. Inutile perdere tempo, quando già in anno, attuando le nostre proposte, si conseguirebbero risultati significativi. Bastano le leggi esistenti ed è totalmente inutile il ricorso a poteri speciali, che fino ad oggi in 18 anni, non hanno portato altro che caos. Su questo, auspichiamo – conclude Zanna – un percorso (da monitorare) condiviso da tutte le forze politiche”.

FLASH

Le ultime

Balenottere e capodogli in collisione con le navi: “Limiti di velocità per legge”

Per le balenottere e i capodogli nel Mediterraneo nord-occidentale le collisioni con le navi, note come "ship strikes", sono...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.