Raccolta differenziata e impianti per il riciclaggio: proposte per la Sicilia
R

“Come diciamo da anni - dichiara Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia - l’unica via d’uscita, è la raccolta differenziata spinta, soprattutto nelle città di Palermo, Catania, Messina e Siracusa, in gravissimo ritardo, che avrebbe come primo, immediato effetto, quello di ridurre le quantità da portare in discarica".

I più letti

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Agricoltura biologica, avanguardista e tecnologica: “Ma è assente dal PNRR”

Sicuramente il movimento del biologico è sempre stato innovativo, addirittura avanguardistico. Proprio perché la tecnica colturale del biologico ha...
Avatar
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

Raccolta differenziata porta a porta, realizzazione degli impianti per il riciclaggio, programmazione in ambito ottimale. Questi in sintesi i punti illustrati oggi dal presidente dei Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta all’Ars, sulla gestione dei rifiuti in Sicilia.

RIFIUTI IN SICILIA – “Come diciamo da anni – dichiara Zanna – l’unica via d’uscita, è la raccolta differenziata spinta, soprattutto nelle città di Palermo, Catania, Messina e Siracusa, in gravissimo ritardo, che avrebbe come primo, immediato effetto, quello di ridurre le quantità da portare in discarica. Altro nodo da risolvere in tempi brevi è la realizzazione degli impianti per un riciclo virtuoso dei rifiuti, puntando soprattutto sull’organico che rappresenta oltre il 50 per cento. Per realizzare tutto ciò, occorrono gli impianti, a partire da quelli di digestione anaerobica per produrre gas metano e compost di qualità per le campagne, favorendo al contempo gli investimenti dei privati. Altro problema che sottoponiamo al governo Musumeci, chiedendo una correzione, è la programmazione che per noi non può corrispondere alla province, ma deve rispondere a criteri di economicità. Gli ambiti vanno, quindi, ridefiniti in base alle necessità ed ai territori, e non decisi a tavolino. Inutile perdere tempo, quando già in anno, attuando le nostre proposte, si conseguirebbero risultati significativi. Bastano le leggi esistenti ed è totalmente inutile il ricorso a poteri speciali, che fino ad oggi in 18 anni, non hanno portato altro che caos. Su questo, auspichiamo – conclude Zanna – un percorso (da monitorare) condiviso da tutte le forze politiche”.

Le ultime

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.