Bari, Legambiente: “Pesticidi anti-xylella dannosi alla salute umana”
B

I più letti

La green economy torna in presenza: attesa a Parma la Green Week 2021

Nel futuro si potrà viaggiare a emissioni zero? È possibile ridurre la chimica in agricoltura? Come gestire i grandi flussi...

Intesa con il Mipaaf, Plasmon si impegna ad acquistare 25mila tonnellate di materie prime italiane

Nel 2020 acquisti di materia prima nazionale aumentati a 20.100 tonnellate. Collaborazione con Filiera Italia e Coldiretti. Aderiscono all’intesa...

Bioplastiche, l’anno della pandemia batte il record: +9,4 sul 2019

La crisi economica per il Covid-19 non ha fermato la crescita del settore delle bioplastiche in Italia. Nel 2020...

Bari – Francesco Tarantini presidente di Legambiente Puglia, a proposito delle ultime disposizioni emanate dal Ministero delle Politiche agricole ed alimentari ha commentato:«Esprimiamo forti perplessità sul decreto Martina che impone l’utilizzo di pesticidi dannosi per la biodiversità, la sicurezza alimentare e la salute umana. L’auspicio è che possa prevalere un approccio sostenibile nella gestione di parassiti e infestanti, orientato alla promozione di buone pratiche che valorizzino le risorse naturali locali e i processi biologici per ripristinare e migliorare la fertilità del suolo». All’indomani del decreto si era fatta sentire anche ISDE (ne abbiamo scritto qui), l’associazione Medici per l’Ambiente, decisamente contraria.

Secondo l’associazione ambientalista, non è chiaro poi come il Decreto Martina si applichi alle aree naturali protette, che invece richiederebbero una maggiore tutela, vista la biodiversità di cui sono custodi. Legambiente ritiene sia fondamentale continuare l’attività di monitoraggio che consente sia di verificare la presenza della xylella nel territorio, individuandone le piante infette, sia di valutare lo stadio di sviluppo dell’insetto vettore che, in base agli andamenti climatici, può essere anticipato o ritardato.

«Quella della xylella è una storia fatta di contraddizioni, rinvii e polemiche – conclude Tarantini – Oggi è necessario un lavoro sinergico per non compromettere il futuro dell’olivicoltura pugliese, tutelando così le centinaia di migliaia di aziende agricole che rappresentano un patrimonio per la nostra regione».

Le ultime

Intesa con il Mipaaf, Plasmon si impegna ad acquistare 25mila tonnellate di materie prime italiane

Nel 2020 acquisti di materia prima nazionale aumentati a 20.100 tonnellate. Collaborazione con Filiera Italia e Coldiretti. Aderiscono all’intesa...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.