Rifiuti: fallisce la società di igiene ambientale e a Cerignola si dà fuoco ai cassonetti

I più letti

Catturato accidentalmente uno squalo in Sicilia: “La pesca eccessiva minaccia la metà delle specie in Mediterraneo”

L'avvistamento o la cattura di squali nelle acque siciliane ha riproposto il tema della conservazione di questi...

Crollo Pil, Confcommercio: “Stima aprile -24%”

(Adnkronos) Dopo un 2019 chiuso in forte rallentamento, il 2020 è iniziato con un calo tendenziale del Pil del...

Uccisa a fucilate una delle 10 aquile reali dei Sibillini

"Ancora un episodio che denota stupida malvagità e noncuranza verso le più elementari norme di rispetto e tutela dell’ambiente,...

“Cerignola (Fg) è in piena emergenza rifiuti e lo testimoniano le frequenti colonne di fumo che rendono irrespirabile l’aria”. E’ quanto si apprende da una nota stampa diffusa dalla sezione pugliese di Legambiente, che denuncia: “Nelle ultime settimane ignoti hanno appiccato vari incendi per smaltire cumuli di immondizia riversata nelle strade, la cui combustione sprigiona gas nocivi. Proposte e soluzioni tampone non sono bastate per gestirne in modo razionale lo smaltimento, evitando una situazione che potrebbe peggiorare con l’innalzamento delle temperature. Gli incendi sono divampati sia in centro, sia nei quartieri periferici. I cittadini, esasperati dall’odore acre, esprimono disappunto sui social, chiedendo la rimozione dei rifiuti che in alcune aree ricoprono i marciapiedi”.

La situazione è provocata dal fallimento della SIA, la Società di Igiene Ambientale del Consorzio Bacino ex F/G 4, ormai in via di liquidazione. Sul versante amministrativo i vertici del Consorzio, Prefettura e Regione si sono incontrati al fine di trovare strategie risolutive, ma l’emergenza, ad oggi, non è rientrata. A ciò si somma il sequestro del piazzale dell’Interporto di Cerignola dove, per ordinanza sindacale, venivano depositati temporaneamente i rifiuti con il supporto di ditte private, in assenza di una destinazione definitiva.

“Ma l’emergenza viene da lontano – prosegue la nota – perché da anni le associazioni ambientaliste locali promuovono le best practices europee in tema di gestione virtuosa dei rifiuti, già applicate in altri paesi. Sono stati coinvolti consulenti di rango nazionale e internazionale e fornite linee guida per uscire dall’impasse, ma con scarni risultati”.
«L’emergenza rifiuti a Cerignola, con gravi ripercussioni sul piano ambientale e sulla salute dei cittadini, dimostra l’urgenza di chiudere il ciclo dei rifiuti nella nostra regione – dichiara Francesco Tarantini, presidente Legambiente Puglia. È necessario realizzare impianti di compostaggio e riciclaggio, ma anche promuovere comportamenti responsabili e stili di vita rispettosi dell’ambiente. Fondamentale è sensibilizzare i cittadini a una corretta gestione dei rifiuti, avviando il servizio di raccolta porta a porta in tutti i comuni pugliesi».


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Fondamentali per l’ecosistema, alleati degli agricoltori: “Non c’è da aver paura dei serpenti, non uccideteli”

Il Signore Dio disse alla donna:«Che hai fatto?».Rispose la donna:«Il serpente mi ha ingannata e io ho...

Nidi trafugati in Puglia: il ricco traffico di parrocchetti in mano alla criminalità

Alcuni giorni fa, a Molfetta, in provincia di Bari, due persone, già note alle Forze di polizia, sono state denunciate dai Carabinieri poiché sorprese...

Il bonus vacanze non basta: “Ha già rinunciato alle vacanze il 48% degli italiani”

Il commento dell'Unione Nazionale Consumatori sui dati Censis/Confcommercio "Dati allarmanti" afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando il rapporto Confcommercio - Censis. "Il fatto che...

Catturato accidentalmente uno squalo in Sicilia: “La pesca eccessiva minaccia la metà delle specie in Mediterraneo”

L'avvistamento o la cattura di squali nelle acque siciliane ha riproposto il tema della conservazione di questi predatori, cruciali per il loro...

La Sicilia sblocca le nomine, quattro parchi naturali hanno di nuovo i propri presidenti

Nominati i presidenti dei parchi Etna, Nebrodi, Madonie e Alcantara La giunta regionale della Sicilia ha sbloccato le...

Elba, Giglio e Giannutri: raggiunte 5mila firme per l’istituzione dell’area marina protetta dell’Arcipelago Toscano, ora si raddoppia

Un’Area Marina Protetta non è solo tanta bellezza ma anche ripresa economica: raggiunte le 5.000 firme per la petizione, si punta a...

Etichetta volontaria per le carni, presentata proposta di legge Muroni

Un sistema volontario di etichettatura in zootecnia per i prodotti di origine animale attraverso "una chiara tabella" che segue il metodo...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.