Bocconi avvelenati, rinnovata l’ordinanza di divieto: “Ora diventi legge”
B

I più letti

La moda mette gli animali in prima pagina: dedicate a loro 7 copertine di Vogue

A un anno di distanza dal numero record del gennaio 2020 (realizzato senza scattare fotografie di moda, allo scopo...

Decreti Sementi-OGM, “sventato tentativo di aprire agli OGM”

Comunicato congiunto di Slow Food e di altre 25 associazioni “Esprimendo la nostra preoccupazione per una situazione governativa così difficile...

Scoperte grandi orme fossili sulle Alpi Occidentali: “Lasciate in un tempo geologico che si credeva inospitale”

Uno studio appena pubblicato a firma di geologi e paleontologi delle Università di Torino, Roma Sapienza, Genova, Zurigo e...

Il 13 luglio scorso sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il rinnovo dell’Ordinanza contingibile e urgente “Norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati”, emanata per la prima volta nel 2009 e prorogata ben 7 volte.
“L’Ordinanza è uno strumento decisamente utile per prevenire e contrastare questa pratica illegale diffusa in tutto il Paese – si legge in una nota di Ilaria Innocenti, Responsabile LAV Animali Familiari – e
negli anni ha reso possibile una sensibilizzazione sul fenomeno. Tuttavia, le uccisioni di animali mediante l’utilizzo di esche o bocconi avvelenati sono ancora frequenti ogni regione d’Italia, il costo in termini di vite animali è altissimo, basti pensare alla strage di cani avvenuta lo scorso febbraio a Sciacca dove almeno 40 cani sono deceduti per aver ingerito bocconi avvelenati contenenti un potente pesticida. Per questo motivo chiediamo con forza al nuovo Governo e al nuovo Parlamento l’approvazione di una Legge che ne rafforzi i contenuti e che stabilisca sanzioni penali e amministrative per i trasgressori, come quella presentata da LAV. Reiterare l’Ordinanza e introdurre misure per renderla più efficace è un atto dovuto, ma per svolgere una più concreta azione di prevenzione e contrasto degli avvelenamenti occorre una legge nazionale.
Già alcune regioni italiane, come Toscana, Umbria e Puglia si sono dotate di leggi ad hoc per prevenire e contrastare un fenomeno dalle conseguenze letali per gli animali e fonte di rischio per la salute pubblica: “per incidere significativamente sugli avvelenatori e per prevenire la morte di animali domestici e selvatici è necessario seguirne l’esempio a livello nazionale”, conclude Innocenti.

 

Le ultime

La moda mette gli animali in prima pagina: dedicate a loro 7 copertine di Vogue

A un anno di distanza dal numero record del gennaio 2020 (realizzato senza scattare fotografie di moda, allo scopo...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.