Bocconi avvelenati, rinnovata l’ordinanza di divieto: “Ora diventi legge”
B

La striscia disallineata

Benessere degli animali. Questa “certificazione volontaria”inganna il consumatore e danneggia l’allevatore onesto

Due Ministri, Speranza e Patuanelli: una promessa tradita. Il Coordinamento unitario delle Associazioni animaliste, compresa Legambiente, Confconsumatori e Ciwf...

Pubble, al via la nuova video-rubrica: “Il volto del mondo è il risultato dei complotti della storia”

Pubble l'imbannabile, seguitissima vignettista di satira che si occupa di politica e società utilizzando i social network per comunicare...

Il 13 luglio scorso sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il rinnovo dell’Ordinanza contingibile e urgente “Norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati”, emanata per la prima volta nel 2009 e prorogata ben 7 volte.
“L’Ordinanza è uno strumento decisamente utile per prevenire e contrastare questa pratica illegale diffusa in tutto il Paese – si legge in una nota di Ilaria Innocenti, Responsabile LAV Animali Familiari – e
negli anni ha reso possibile una sensibilizzazione sul fenomeno. Tuttavia, le uccisioni di animali mediante l’utilizzo di esche o bocconi avvelenati sono ancora frequenti ogni regione d’Italia, il costo in termini di vite animali è altissimo, basti pensare alla strage di cani avvenuta lo scorso febbraio a Sciacca dove almeno 40 cani sono deceduti per aver ingerito bocconi avvelenati contenenti un potente pesticida. Per questo motivo chiediamo con forza al nuovo Governo e al nuovo Parlamento l’approvazione di una Legge che ne rafforzi i contenuti e che stabilisca sanzioni penali e amministrative per i trasgressori, come quella presentata da LAV. Reiterare l’Ordinanza e introdurre misure per renderla più efficace è un atto dovuto, ma per svolgere una più concreta azione di prevenzione e contrasto degli avvelenamenti occorre una legge nazionale.
Già alcune regioni italiane, come Toscana, Umbria e Puglia si sono dotate di leggi ad hoc per prevenire e contrastare un fenomeno dalle conseguenze letali per gli animali e fonte di rischio per la salute pubblica: “per incidere significativamente sugli avvelenatori e per prevenire la morte di animali domestici e selvatici è necessario seguirne l’esempio a livello nazionale”, conclude Innocenti.

 

FLASH

Le ultime

La conservazione della natura è donna: eletta la nuova presidentessa IUCN

I  componenti dell'Assemblea dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN),  hanno eletto Razan Khalifa Al Mubarak nuova presidentessa...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.