Gestione sostenibile delle Aree Marine Protette, al via la collaborazione tra i paesi del Mediterraneo
G

I più letti

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le...

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno...

Sostenere la collaborazione tra Paesi del Mediterraneo (Italia, Algeria, Tunisia, Albania e Slovenia), aree marine protette e società civile per la gestione sostenibile ed efficiente delle Aree marine specialmente protette d’importanza mediterranea (Aspim). È questo uno degli obiettivi principali del programma “Sviluppare e rafforzare una gestione efficace delle Aree specialmente protette d’importanza mediterranea”, finanziato dal ministero dell’Ambiente e lanciato ieri a Pineto, nella sede dell’area marina protetta “Torre del Cerrano”. Quattro gli accordi di gemellaggio conclusi e firmati durante l’incontro: tra l’Aspim Karaburun-Sazan, in Albania, e l’Aspim di Torre Guaceto; tra l’Aspim delle isole Habibas, (Algeria) e quella di Tavolara-Punta Coda Cavallo; tra l’Aspim di Strunjan, in Slovenia, e l’area marina protetta di Torre di Cerrano; tra l’Aspim delle isole Kneiss (Tunisia) e l’area marina protette delle isole Egadi.

Il programma di gemellaggio delle Aspim, gestito dal Piano di azione per il Mediterraneo delle Nazioni Unite di cui il Centro di attività regionale per le aree specialmente protette fa parte (è stato istituito a Tunisi nel 1985), mira a sostenere la gestione sostenibile delle Aspim del Mediterraneo, o delle potenziali candidate Aspim, attraverso attività di cooperazione e scambio. Più specificamente, condividendo le migliori pratiche di gestione e monitoraggio tra Aspim e Amp (aree marine protette), implementando lo sviluppo delle capacità dei gestori di queste aree, coinvolgendo la società civile, impostando una piattaforma collaborativa tra le Aspim esistenti e future.

Le ultime

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici,...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l'Ue fissa...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente “Sostenere la storica...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo sensore che permetterà di effettuare...

Cannabidiolo sostanza stupefacente? Le imprese della canapa impugnano il decreto

“Il Decreto del Ministro della Salute del 1 ottobre 2020, che ha stabilito che le “composizioni per somministrazione ad uso orale di cannabidiolo...

“C’è un mostro nella mia cucina”: l’incontro tra un bimbo e un giaguaro con la voce di Giobbe Covatta

“C’è un mostro nella mia cucina”: si chiama così il corto d’animazione diffuso oggi da Greenpeace e doppiato dall’attore Giobbe Covatta....

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.