Gestione sostenibile delle Aree Marine Protette, al via la collaborazione tra i paesi del Mediterraneo
G

I più letti

2022, è Procida la Capitale italiana della cultura: l’Isola “è luogo di conoscenza”

Procida è la Capitale italiana della cultura per l’anno 2022. Dopo le audizioni delle dieci città finaliste, la giuria...

Riforma dello sport, obblighi e multe imposti all’escursionismo invernale: CAI e guide ambientali scrivono al Ministro

Per praticare le attività escursionistiche in ambienti innevati, anche mediante le racchette da neve, sarà obbligatorio munirsi di “sistemi...

Suber, la linea di design che dà una seconda vita ai tappi di sughero

Nasce “Suber" è la prima linea di oggetti di design realizzati interamente in Italia, con il sughero recuperato dal...

Sostenere la collaborazione tra Paesi del Mediterraneo (Italia, Algeria, Tunisia, Albania e Slovenia), aree marine protette e società civile per la gestione sostenibile ed efficiente delle Aree marine specialmente protette d’importanza mediterranea (Aspim). È questo uno degli obiettivi principali del programma “Sviluppare e rafforzare una gestione efficace delle Aree specialmente protette d’importanza mediterranea”, finanziato dal ministero dell’Ambiente e lanciato ieri a Pineto, nella sede dell’area marina protetta “Torre del Cerrano”. Quattro gli accordi di gemellaggio conclusi e firmati durante l’incontro: tra l’Aspim Karaburun-Sazan, in Albania, e l’Aspim di Torre Guaceto; tra l’Aspim delle isole Habibas, (Algeria) e quella di Tavolara-Punta Coda Cavallo; tra l’Aspim di Strunjan, in Slovenia, e l’area marina protetta di Torre di Cerrano; tra l’Aspim delle isole Kneiss (Tunisia) e l’area marina protette delle isole Egadi.

Il programma di gemellaggio delle Aspim, gestito dal Piano di azione per il Mediterraneo delle Nazioni Unite di cui il Centro di attività regionale per le aree specialmente protette fa parte (è stato istituito a Tunisi nel 1985), mira a sostenere la gestione sostenibile delle Aspim del Mediterraneo, o delle potenziali candidate Aspim, attraverso attività di cooperazione e scambio. Più specificamente, condividendo le migliori pratiche di gestione e monitoraggio tra Aspim e Amp (aree marine protette), implementando lo sviluppo delle capacità dei gestori di queste aree, coinvolgendo la società civile, impostando una piattaforma collaborativa tra le Aspim esistenti e future.

Le ultime

Si sta come d’inverno sugli alberi in città i parrocchetti alieni

Spesso ho parlato delle specie non indigene, note anche come aliene, cioè quei taxa animali o vegetali che si...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.