Tarantola dell’Ecuador in porto a Genova: “Porta d’accesso per le specie aliene”

I più letti

Fondamentali per l’ecosistema, alleati degli agricoltori: “Non c’è da aver paura dei serpenti, non uccideteli”

Il Signore Dio disse alla donna:«Che hai fatto?».Rispose la donna:«Il serpente mi ha ingannata e io ho...

Fase 2, Arcuri: “Partita non è vinta, rispettare le misure”

(Adnkronos) La partita delle mascherine è definitivamente risolta. Anche nelle farmacie le mascherine a 50 centesimi ora si trovano...

Piantagione per cellulosa, una carcassa di maiale come esca: ucciso da una tagliola giovane maschio di tigre di Sumatra

Dall'inizio dell'anno - spiega Greenpeace - è la seconda tigre ad essere ritrovata morta in una piantagione...

L’Osservatorio ligure per la biodiversità (Li.Bi.Oss.) ha raccolto, nelle scorse settimane, la segnalazione di una specie alloctona approdata in Liguria.  Si tratta di un aracnide presumibilmente giunto nel porto di Genova con un carico di legname stivato in un container proveniente dalla Colombia, la cui notizia è stata data oggi dal Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA).

“I Carabinieri del Nucleo Cites regionale – si legge su snpa.it – hanno individuato un esemplare appartenente alla specie Pseudoclamoris elenae (tarantole), endemica dell’Ecuador. Nonostante questa specie non faccia parte di quelle oggetto del monitoraggio previsto nell’ambito del Progetto europeo Aliem, cui partecipa anche Arpal, la segnalazione è stata inoltrata proprio per ribadire il ruolo dello scalo genovese come principale “porta d’accesso” per le specie aliene. Al momento Li.Bi.Oss ha raccolto la segnalazione di 334 specie aliene, di cui 94 invasive tra vegetali e animali”.

Il progetto Aliem ha l’obiettivo di creare una rete interistituzionale e scientifica, che consenta di condividere informazioni e buone pratiche per gestire al meglio il fenomeno delle specie aliene. Una rete che può, così, intervenire con tempestività in caso di introduzione di specie che costituiscono serie minacce per la biodiversità dei nostri territori.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

L’impatto del Covid sui siti Unesco: prosegue #shareourheritage

Mentre le Dolomiti e i loro abitanti affrontano la graduale uscita dall’emergenza COVID-19, uno sguardo agli altri Patrimoni Mondiali...

Sott’acqua al tempo del Coronavirus: idrofoni in 30 siti per ascoltare il mare

Dopo 100 ore di immersioni e oltre 300 di registrazioni sonore per documentare lo stato dei mari durante il lockdown si tirano le somme...

San Vito Lo Capo, portata in superficie ancora ellenistico-romana con rilievo di delfino

L'operazione è stata svolta dalla Soprintendenza del Mare in collaborazione con la Guardia di Finanza e BCsicilia a 20 metri di profonditàTrapani - Nei...

Lago di Garda, uova di cigno distrutte a sassate: “Visionare le telecamere di zona”

Enpa denuncia, chiede che vengano visionate le telecamere e scrive al SindacoRoma – Ha distrutto a sassate le uova di cigno deposte sulla riva...

Squalo Mako ucciso nel Golfo di Catania, Oipa valuta di procedere in sede giudiziaria

Il presidente dell’Oipa Comparotto: «Urgente ripensare le politiche della pesca» L’Oipa Italia sta valutando di procedere in sede...

Riapertura tra Regioni, sui Sibillini pronti i nuovi rifugi escursionistici provvisori

Gli interventi di ripristino dei rifugi escursionistici provvisori del Grande Anello assumono una rilevanza fondamentale per il rilancio del territorio dei Sibillini

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.