Tarantola dell’Ecuador in porto a Genova: “Porta d’accesso per le specie aliene”
T

Le rubriche

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

L’Osservatorio ligure per la biodiversità (Li.Bi.Oss.) ha raccolto, nelle scorse settimane, la segnalazione di una specie alloctona approdata in Liguria.  Si tratta di un aracnide presumibilmente giunto nel porto di Genova con un carico di legname stivato in un container proveniente dalla Colombia, la cui notizia è stata data oggi dal Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA).

“I Carabinieri del Nucleo Cites regionale – si legge su snpa.it – hanno individuato un esemplare appartenente alla specie Pseudoclamoris elenae (tarantole), endemica dell’Ecuador. Nonostante questa specie non faccia parte di quelle oggetto del monitoraggio previsto nell’ambito del Progetto europeo Aliem, cui partecipa anche Arpal, la segnalazione è stata inoltrata proprio per ribadire il ruolo dello scalo genovese come principale “porta d’accesso” per le specie aliene. Al momento Li.Bi.Oss ha raccolto la segnalazione di 334 specie aliene, di cui 94 invasive tra vegetali e animali”.

Il progetto Aliem ha l’obiettivo di creare una rete interistituzionale e scientifica, che consenta di condividere informazioni e buone pratiche per gestire al meglio il fenomeno delle specie aliene. Una rete che può, così, intervenire con tempestività in caso di introduzione di specie che costituiscono serie minacce per la biodiversità dei nostri territori.

FLASH

Le ultime

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.