Inverno caldo e senza piogge: dati di un’anomala stagione

I più letti

Dal 30 maggio ripartono le spiagge: quanto costa e come funziona l’accesso a quella più grande d’Italia

Sarà a Bibione la spiaggia più grande d’Italia, con ombrelloni che offrono...

Europa favorevole al nutriscore ma arriva anche l’indicazione dell’origine degli alimenti in etichetta

L’estensione dell’obbligo di etichette con l’indicazione dell’origine degli alimenti è una vittoria per 1,1 milioni di cittadini europei che...

Il video del bambino e dell’orso bruno: “Ecco come comportarsi quando incontriamo la fauna selvatica”

Sporminore, ai lembi del Parco Naturale dell’Adamello Brenta, sopra i 2mila metri di quota. Loris Calliari...

I dati sul clima di febbraio confermano l’impressionante anomalia di un inverno assente. Clima diurno quasi costantemente con valori da primavera. E’ stato un mese particolarmente secco: manca all’appello il 67% di piogge

Dall’analisi del clima che ha caratterizzato il mese di febbraio 2020 emerge chiaramente una forte anomalia sia per ciò che riguarda le temperature che la pioggia.  L’inverno meteorologico- afferma il meteorologo di Meteo Expert Simone Abelli- si chiude con un mese di febbraio caratterizzato da un Vortice Polare ancora molto forte. Infatti, la fase positiva dell’Artic Oscillation Index (AO), l’indice climatico che quantifica proprio la forza o la debolezza del Vortice Polare, si è prolungata anche nell’ultimo mese invernale condizionando pesantemente le condizioni del tempo nell’area euro-mediterranea dove il clima mite e siccitoso ha dominato la scena. La frequente presenza di massicce aree di alta pressione e di masse d’aria calda proveniente dalle basse latitudini ha riguardato il continente europeo e in particolare l’Italia.

Notevole l’episodio del 3 febbraio quando l’effetto dei venti di Foehn su una massa d’aria in risalita da latitudini tropicali ha dato origine a caldo anomalo su gran parte del Paese, con temperature che hanno toccato nuovi record storici come a Torino con 26.7°C e a Capo Bellavista sulla Sardegna tirrenica con 27°C. Nel corso del mese si sono verificati altri episodi di caldo anomalo che hanno contribuito a determinare altri record di temperatura come i 25.9°C del 23 febbraio all’aeroporto di Aosta e i 22.3°C del giorno 25 a Rimini. Solo alla fine della prima decade le fredde correnti settentrionali hanno riportato temporaneamente le temperature entro i canoni stagionali. Complessivamente è stato, quindi, un febbraio molto caldo con +2.7°C di anomalia che lo pone al 3° posto tra i mesi di febbraio più caldi dopo quelli del 2014 e del 2016.

Anche l’intera stagione invernale 2019-2020 sale sul podio al 3° posto fra le più calde con uno scarto di 1.9°C sopra la media, alle spalle degli inverni 2006-2007 e 2013-2014. Limitando l’analisi alle regioni settentrionali, vengono evidenziati scarti dalla media ancora più ampi rispetto ai dati nazionali; in effetti, a conti fatti, per il Nord è stato il febbraio e l’inverno più caldi della serie storica, con anomalie pari rispettivamente a +3.3°C e +2.5°C, quest’ultima in condivisione con gli inverni del 2007 e del 2014. Tornando a livello nazionale, i risultati divengono ancora più rilevanti se si prendono in considerazione le temperature massime che, come accaduto nel mese di gennaio, hanno maggiormente contribuito a determinare l’anomalia complessiva. Infatti, tenendo conto dei valori massimi di temperatura, sia febbraio, sia l’intero inverno balzano al 1° posto fra i più caldi con anomalie pari rispettivamente a +3.4°C e +2.5°C sull’Italia intera. Nel mese di febbraio al Centro-Nord l’anomalia delle temperature massime è stata di +4°C; ciò significa che in queste regioni il clima diurno è stato in gran parte molto vicino alle condizioni normali tipiche del mese di marzo.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Piantagione per cellulosa, una carcassa di maiale come esca: ucciso da una tagliola giovane maschio di tigre di Sumatra

Dall'inizio dell'anno - spiega Greenpeace - è la seconda tigre ad essere ritrovata morta in una piantagione...

Fondamentali per l’ecosistema, alleati degli agricoltori: “Non c’è da aver paura dei serpenti, non uccideteli”

Il Signore Dio disse alla donna:«Che hai fatto?».Rispose la donna:«Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato».Allora il Signore Dio disse...

Nidi trafugati in Puglia: il ricco traffico di parrocchetti in mano alla criminalità

Alcuni giorni fa, a Molfetta, in provincia di Bari, due persone, già note alle Forze di polizia, sono state denunciate dai Carabinieri poiché sorprese...

Il bonus vacanze non basta: “Ha già rinunciato alle vacanze il 48% degli italiani”

Il commento dell'Unione Nazionale Consumatori sui dati Censis/Confcommercio "Dati allarmanti" afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando il rapporto Confcommercio - Censis. "Il fatto che...

Catturato accidentalmente uno squalo in Sicilia: “La pesca eccessiva minaccia la metà delle specie in Mediterraneo”

L'avvistamento o la cattura di squali nelle acque siciliane ha riproposto il tema della conservazione di questi predatori, cruciali per il loro...

La Sicilia sblocca le nomine, quattro parchi naturali hanno di nuovo i propri presidenti

Nominati i presidenti dei parchi Etna, Nebrodi, Madonie e Alcantara La giunta regionale della Sicilia ha sbloccato le...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.