Inverno caldo e senza piogge: dati di un’anomala stagione
I

I più letti

La green economy torna in presenza: attesa a Parma la Green Week 2021

Nel futuro si potrà viaggiare a emissioni zero? È possibile ridurre la chimica in agricoltura? Come gestire i grandi flussi...

Intesa con il Mipaaf, Plasmon si impegna ad acquistare 25mila tonnellate di materie prime italiane

Nel 2020 acquisti di materia prima nazionale aumentati a 20.100 tonnellate. Collaborazione con Filiera Italia e Coldiretti. Aderiscono all’intesa...

Bioplastiche, l’anno della pandemia batte il record: +9,4 sul 2019

La crisi economica per il Covid-19 non ha fermato la crescita del settore delle bioplastiche in Italia. Nel 2020...

I dati sul clima di febbraio confermano l’impressionante anomalia di un inverno assente. Clima diurno quasi costantemente con valori da primavera. E’ stato un mese particolarmente secco: manca all’appello il 67% di piogge

Dall’analisi del clima che ha caratterizzato il mese di febbraio 2020 emerge chiaramente una forte anomalia sia per ciò che riguarda le temperature che la pioggia.  L’inverno meteorologico- afferma il meteorologo di Meteo Expert Simone Abelli- si chiude con un mese di febbraio caratterizzato da un Vortice Polare ancora molto forte. Infatti, la fase positiva dell’Artic Oscillation Index (AO), l’indice climatico che quantifica proprio la forza o la debolezza del Vortice Polare, si è prolungata anche nell’ultimo mese invernale condizionando pesantemente le condizioni del tempo nell’area euro-mediterranea dove il clima mite e siccitoso ha dominato la scena. La frequente presenza di massicce aree di alta pressione e di masse d’aria calda proveniente dalle basse latitudini ha riguardato il continente europeo e in particolare l’Italia.

Notevole l’episodio del 3 febbraio quando l’effetto dei venti di Foehn su una massa d’aria in risalita da latitudini tropicali ha dato origine a caldo anomalo su gran parte del Paese, con temperature che hanno toccato nuovi record storici come a Torino con 26.7°C e a Capo Bellavista sulla Sardegna tirrenica con 27°C. Nel corso del mese si sono verificati altri episodi di caldo anomalo che hanno contribuito a determinare altri record di temperatura come i 25.9°C del 23 febbraio all’aeroporto di Aosta e i 22.3°C del giorno 25 a Rimini. Solo alla fine della prima decade le fredde correnti settentrionali hanno riportato temporaneamente le temperature entro i canoni stagionali. Complessivamente è stato, quindi, un febbraio molto caldo con +2.7°C di anomalia che lo pone al 3° posto tra i mesi di febbraio più caldi dopo quelli del 2014 e del 2016.

Anche l’intera stagione invernale 2019-2020 sale sul podio al 3° posto fra le più calde con uno scarto di 1.9°C sopra la media, alle spalle degli inverni 2006-2007 e 2013-2014. Limitando l’analisi alle regioni settentrionali, vengono evidenziati scarti dalla media ancora più ampi rispetto ai dati nazionali; in effetti, a conti fatti, per il Nord è stato il febbraio e l’inverno più caldi della serie storica, con anomalie pari rispettivamente a +3.3°C e +2.5°C, quest’ultima in condivisione con gli inverni del 2007 e del 2014. Tornando a livello nazionale, i risultati divengono ancora più rilevanti se si prendono in considerazione le temperature massime che, come accaduto nel mese di gennaio, hanno maggiormente contribuito a determinare l’anomalia complessiva. Infatti, tenendo conto dei valori massimi di temperatura, sia febbraio, sia l’intero inverno balzano al 1° posto fra i più caldi con anomalie pari rispettivamente a +3.4°C e +2.5°C sull’Italia intera. Nel mese di febbraio al Centro-Nord l’anomalia delle temperature massime è stata di +4°C; ciò significa che in queste regioni il clima diurno è stato in gran parte molto vicino alle condizioni normali tipiche del mese di marzo.

Le ultime

Intesa con il Mipaaf, Plasmon si impegna ad acquistare 25mila tonnellate di materie prime italiane

Nel 2020 acquisti di materia prima nazionale aumentati a 20.100 tonnellate. Collaborazione con Filiera Italia e Coldiretti. Aderiscono all’intesa...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.