Ragusa, scoperti primi due nidi di tartaruga: “Sono in anticipo di 3 settimane”
R

I più letti

Lupo sulle Alpi: al MUSE di Trento sarà presentato il LIFE Wolfalps

Tornano in un'inedita veste solo online gli Incontri al Museo per parlare di fauna....

Ambiente, i “caschi verdi” tuteleranno i siti UNESCO

Ieri pomeriggio è stata siglata l’intesa tra il ministero dell’Ambiente e l’Unesco per avviare il nuovo...

Kosovo, i militari italiani a difesa dei randagi

I militari italiani del Comando Regionale Ovest della Kosovo Force (Kfor), forza militare internazionale guidata dalla Nato,...

Il primo nido è stato scoperto da un fotografo russo bloccato in Italia dalla pandemia poi, mentre veniva messo in sicurezza, è stato avvistato il secondo

Doppia sorpresa anticipata nelle spiagge del ragusano. Ad accorgersi delle tracce lasciate da “mamma tartaruga” è stato per primo, martedì pomeriggio scorso, un fotografo russo, Valentin Eshpai, giunto in Italia per un reportage fotografico su natura e paesaggi della Sicilia e bloccato poi in Italia dalle misure restrittive per il COVID19. Il fotografo ha immediatamente segnalato la notizia agli attivisti WWF di Pozzallo, grazie al cartello del progetto tartarughe posto all’ingresso della riserva naturale integrale di Cava Randello, tra Punta Braccetto e Scoglitti in provincia di Ragusa. Immediatamente si è attivata la rete tartarughe marine del WWF, sostenuta anche dal Progetto europeo LIFE Euroturtles, e sono stati avvertiti Capitaneria di porto e Ripartizione faunistico venatoria. Giunti sul posto i volontari del panda Rino Strano e Giombattista Di Giacomo che hanno confermato la presenza delle tracce e della caratteristica spianata, è stata poi Oleana Prato, biologa marina del WWF ed operatrice del progetto LIFE Euroturtles, autorizzata all’ispezione dei nidi, a confermare la presenza del nido e delle uova sotto lo strato di sabbia. L’area verrà quindi messa in sicurezza proprio in queste ore dal Corpo Forestale della Regione Siciliana. Proprio mentre si svolgevano le operazioni, alla biologa marina e al marito, Mehdi Rami, cade l’occhio su quella che sembrava a tutti gli effetti una seconda traccia di deposizione a pochi metri di distanza, probabilmente avvenuta qualche giorno prima. Anche questo nido è stato verificato e messo in sicurezza con recinto e tabella. Per il WWF si tratta di una bellissima notizia che arriva con circa 3 settimane di anticipo rispetto alla “stagione ufficiale” delle nidificazioni, che in genere parte intorno alla metà di giugno. Come sempre la rete dei nostri attivisti in Sicilia ha preso in carico e in custodia il nido, in collaborazione con le autorità. Anche questa volta tutto ha funzionato, e ora si aspetteranno i canonici 60-70 giorni per la schiusa delle uova. L’incessante attività di informazione e sensibilizzazione del pubblico da parte del WWF, supportate dal Progetto LIFE Euroturtles, ha permesso di venire a conoscenza di queste deposizioni. E il destino ha voluto che il cartello posto all’ingresso della riserva fosse stato affisso da Antonino Sansone, il volontario WWF che è venuto a mancare lo scorso anno e che oggi vogliamo ricordare. Il suo impegno continua a dare buoni frutti.

Le ultime

Pesticidi nelle acque, i Medici per l’Ambiente chiedono i dati il prima possibile

L’Associazione Medici per l’Ambiente-ISDE Italia ha ufficialmente, e da diverso tempo, chiesto all’ Ispra- Istituto superiore per...

Neanderthal, studi in corso sull’Uomo di Altamura

La ricerca scientifica punta nuovamente i riflettori sull’Uomo di Altamura, il più completo scheletro di Neanderthal mai scoperto e uno fra...

“Agriturismi a KO a causa dei comuni blindati”

La decisione di blindare gli italiani nel proprio comune nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno mette ko le strutture...

“Aria di San Daniele”, l’aperitivo che supporta i ristoratori italiani

Il Consorzio del Prosciutto di San Daniele lancia un nuovo progetto solidale a sostegno del comparto Horeca. Nasce così Aria di San Daniele @Home, l’iniziativa...

Bombe nucleari USA: per l’80% degli italiani devono essere ritirate

Il verdetto degli italiani sulle armi atomiche è inequivocabile: ritirare le bombe atomiche americane dal territorio italiano e impiegare i soldi...

Vongole, OK UE alla riduzione della taglia minima pescabile

Arriva il via libera dell’europarlamento alla riduzione della taglia minima delle vongole pescabili in Italia. "Questo provvedimento salva la flotta nazionale...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.